Storia dell’arte contemporanea

CODICE: 61723
SSD: L-ART/03
DOCENTE: Franco SBORGI

Storia dell'arte contemporanea L-ART/03

Franco SBORGI

II semestre

Crediti in totale: 6

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

I materiali dell'arte contemporanea

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

S. Bordini, Arte contemporanea e tecniche. Materiali, procedimenti, sperimentazioni, Roma 2007.
Ulteriore bilbiografia sarà indicata durante lo svolgimento del corso.

Altre notizie

Sono parte integrante del corso i materiali informatici proiettati a lezione e disponibili preso la biblioteca di storia dell'arte del DIRAAS.
Sono previsti incontri con artisti e visite a raccolte museali.
A conclusione delle lezioni, la bibliografia dettagliata sarà scaricabile dalla pagina www.diras.unige.it/docenti/sborgi.php

L‘insegnamento prevede uno studio sistematico sulle vicende artistiche dal Neoclassicismo ad oggi, con particolari approfondimenti nei confronti delle trasformazioni dei linguaggi e delle tecniche artistiche, dell’impiego dei nuovi materiali, oltre
che della diffusione internazionale dei modelli figurativi. Al fine del raggiungimento degli obiettivi l’insegnamento si giova di apporti seminariali interdisciplinari, di incontri con artisti e visite a mostre e musei.

Franco Sborgi, professore Ordinario di Storia dell’arte contemporanea , è direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici. Dal 2006 al 2012 è stato direttore del DIRAS.
E’ responsabile scientifico dell’Archivio d’Arte contemporanea (AdAC, da lui costituito dagli anni Ottanta)  che raccoglie materiali per la documentazione della cultura artistica del dopoguerra. E’ membro del comitato scientifico di Casa America e dell’Accademia Ligustica di Belle Arti. Fa parte dell’Association of Sìgnificant Cemeteries in Europe. E’ membro del Comité International d’Histoire de l’Art. Le sue ricerche hanno prodotto studi che spaziano dalle Avanguardie storiche (Futurismo, Brancusi, tra gli altri) a quelli sul Modernismo, ai diversi aspetti della cultura figurativa del  Novecento e dei suoi rapporti con le vicende storiche e sociali, fino alle più recenti esperienze artistiche. Un particolare ambito di ricerca è quello della scultura del XIX e XX secolo con specifici studi sulla diffusione internazionale della scultura italiana e i suoi modelli. Ha organizzato molte mostre a carattere nazionale ed internazionale.