Archeologia della Magna Grecia

CODICE: 65166
SSD: L-ANT/07
DOCENTE: Bianca Maria GIANNATTASIO

Archeologia della Magna Grecia L-ANT/07

Bianca Maria GIANNATTASIO

I semestre

Crediti in totale: 9

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Fonti storiche ed archeologiche della Grecia d’Occidente: la Magna Grecia.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

G. PUGLIESE CARATELLI, Magna Grecia. Il Mediterraneo, le metropolis e la fondazione delle colonie, Electa, Milano 1985, pp. 9-244;
Un manuale a scelta tra:
E.GRECO, Archeologia della Magna Grecia, Laterza, Bari 1992;
E.DE JULIIS, MAGNA GRECIA. L'Italia meridionale dalle origini leggendarie alla conquista romana, Edipuglia, Bari 1996;
G.F. LA TORRE, Sicilia e Magna Grecia. Archeologia della colonnizzazione greca d’occidente, Laterza, Bari 2011.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Fonti storiche ed archeologiche della Grecia d’Occidente: la Magna Grecia.
Le necropoli della Campania: organizzazione degli spazi e dei corredi. Riti e culti.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

G. PUGLIESE CARATELLI, Magna Grecia. Il Mediterraneo, le metropolis e la fondazione delle colonie, Electa, Milano 1985, pp. 9-244;
Un manuale a scelta tra:
E.GRECO, Archeologia della Magna Grecia, Laterza, Bari 1992;
E.DE JULIIS, MAGNA GRECIA. L'Italia meridionale dalle origini leggendarie alla conquista romana, Edipuglia, Bari 1996;G.F. LA TORRE, Sicilia e Magna Grecia. Archeologia della colonnizzazione greca d’occidente, Laterza, Bari 2011.
L.CERCHIAI, Gli antichi popoli della Campania. Archeologia e storia, Carocci, Roma 2010.Ulteriore bibliografia specifica sulle necropoli della Campania verrà fornita durante le lezioni.

Altre notizie

La dott. Valentina COSENTINO svolgerà un ciclo di lezioni (12 ore: supporto alla didattica) sulle "Necropoli della Campania settentrionale", oggetto della sua ricerca di Dottorato.

Il corso illustra la cultura, l’espressione artistica e materiale dei Greci di Occidente dall’inizio della colonizzazione al primo impatto con la civiltà e la presenza romana, con particolare rilievo per la documentazione e la contestualizzazione storica.

Bianca Maria Giannattasio, si è laureata in Lettere Classiche nel 1971 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova, dove è attualmente Professore Associato (L-ANT/07). Tiene gli insegnamenti di Archeologia della Magna Grecia (Laurea magistrale) e di Archeologia e storia dell’arte greca e romana (Corso in Conservazione dei beni culturali). Dall’aa. 2001-02 all’aa. 2007-08 è stata Direttore della Scuola di Specializzazione in Archeologia classica; attualmente è Presidente del CdS in Conservazione dei beni culturali; fa parte della Scuola di Dottorato di culture classiche e moderne e del Consiglio della Scuola di Specializzazione in beni archeologici. E’ membro del Consiglio Scientifico-Didattico di ICoN-Italian Culture on the Net, con sede presso l’Università di Pisa. Ha condotto scavi in Sicilia (Thapsos e Naxos), in Liguria (Bergeggi) ed in Sardegna (Nora), i cui risultati sono confluiti in diverse pubblicazioni. Ha al suo attivo undici tra monografie e curatele e più di sessanta articoli e recensioni.. Principali linee di ricerca: la scultura romana, la trasmissione dell’antico e la recezione dei modelli antichi, lo studio della cultura materiale ed in particolare scambio di merci e rotte commerciali del Mediterraneo; su tali argomenti ha curato ed organizzato convegni nazionali ed internazionali; fanno parte dei suoi interessi, anche le problematiche dei beni culturali, dalla tutela alla valorizzazione.