Chimica per i Beni Culturali

CODICE: 66524
SSD: CHIM/06
DOCENTE: Fernando SANCASSAN, Giovanni PETRILLO

Chimica per i beni culturali CHIM/06

Docente: Fernando SANCASSAN, Giovanni PETRILLO

annuale

Crediti in totale: 10

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 10 cfu

Nozioni di base: struttura atomica e tavola periodica degli elementi, ibridazione, legame chimico e forze intermolecolari. Relazione tra energia e stabilità. Acidità e basicità.
Classificazione e relativa nomenclatura dei principali composti (sia organici che inorganici).
Struttura, anche tridimensionale, delle molecole e isomeria (costituzionale, geometrica, ottica).
Proprietà generali e chimico-fisiche e caratterizzazione delle principali classi di composti.
Materiali tipici nel campo dell'arte, del restauro, e della conservazione: vetri, argille, maioliche, terrecotte, ceramiche, lipidi, proteine, carboidrati, pigmenti.
Interazione tra radiazioni elettromagnetiche e materia. Introduzione ai principali metodi spettroscopici per la determinazione della struttura. Applicazione della spettroscopia microraman ai beni culturali.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 10 cfu

R. Marazza, R. Carlini, Fondamenti di Chimica Generale e inorganica. Applicazione alla conservazione dei beni culturali, Ed. ECIG
F. Sancassan, Dispense di Chimica Organica per il Restauro (disponibili su richiesta presso la Segreteria studenti del DCCI).
W.H. Brown, T. Poon, Introduzione alla Chimica Organica, EdiSES, terza ed., 2005.
E. Pedemonte, G. Fornari, Chimica e restauro - La scienza dei materiali per l'architettura, Marsilio Editori, 2006.
L. Campanella e altri, Chimica per l’arte, Zanichelli, 2007.

Altre notizie

Alcune lezioni saranno tenute dal Prof. Rinaldo MARAZZA e/o da altri esperti della materia.

Obiettivo primario dell’insegnamento è quello di fornire agli studenti solide basi di chimica, sottolineando i principi generali di argomenti di fondo quali: struttura (atomica e molecolare), nomenclatura, isomeria, proprietà chimico-fisiche e reattività. Su tali “basi” sarà possibile fondare una visione unitaria e, per quanto possibile, dettagliata e completa dei vari aspetti della sintesi di
materiali polimerici e del loro uso nelle moderne tecniche di conservazione, consolidamento e restauro, con particolare attenzione rivolta ai manufatti lapidei.

Giovanni Petrillo è Professore Ordinario di Chimica Organica (CHIM/06) presso il Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università di Genova, dove tiene insegnamenti di chimica organica per diversi corsi di laurea sia triennale (Chimica e Tecnologie Chimiche, Scienze Biologiche, Scienze Ambientali) che specialistica (Scienze Chimiche, Metodologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali). Coordinatore Nazionale di progetti PRIN (2002, 2004 e 2008) e FIRB (2001), ha condotto numerose ricerche, anche in collaborazione con altre Università italiane (Bologna, Firenze, Palermo, Trieste) ed estere (Paris 7). E’ autore di oltre 100 pubblicazioni e rassegne su riviste internazionali a larga diffusione (tra cui: J. Org. Chem., J. Chem. Soc. Perkin Trans. 2, Tetrahedron, Tetrahedron Lett., Eur. J. Org. Chem., Pharmacol. Res., Bioorg. Med. Chem., J. Med. Chem.). Principali argomenti di ricerca: studio di meccanismi di reazione in chimica organica; studio di reazioni organiche catalizzate da trasferimenti elettronici (SET); studio della distribuzione elettronica in derivati aromatici polisostituiti; reattività di derivati tiofenici; utilizzo di 1,3-dieni funzionalizzati come intermedi sintetici o come molecole biologicamente attive nell’ambito dello studio, valutazione e progettazione di nuovi farmaci antitumorali. Direttore ad interim del Centro di Servizi Bibliotecario di Chimica “Stanislao Cannizzaro”, dal corrente anno 2011 è Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Metodologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali.

Fernando Sancassan è Professore Ordinario di Chimica Organica (CHIM/06) presso la Facoltà di Scienze MFN dell’Università di Genova. E’ coautore di oltre 70 pubblicazioni e rassegne su riviste internazionali a larga diffusione (tra cui: J. Org. Chem., J. Chem. Soc. Perkin Trans. 2, Tetrahedron) e di un capitolo sulla Encyclopedia of NMR Spectroscopy in nove volumi edita da Wiley. Principali argomenti di ricerca sono (i) le conformazioni delle molecole organiche mediante spettroscopia NMR e calcoli di meccanica molecolare (in collaborazione con R. J. Abraham dell’Università di Liverpool) (ii) la distribuzione elettronica nelle molecole organiche e negli intermedi di reazione (in collaborazione con D. Spinelli dell’Università di Bologna) e gli aspetti sterici delle reazioni di apertura e di richiusura d’anello (in collaborazione con G. Petrillo). Attualmente è responsabile anche dei seguenti Corsi: (i) “Fondamenti di Chimica”, parte B (Chimica Organica, 5 CFU), per i CdL in Scienze Ambientali e Scienze Naturali; (ii) “Tecniche Strumentali in Chimica Analitica e Chimica Organica”, parte B (4 CFU), per il CdL in Chimica e Tecnologie Chimiche; (iii) Metodi Fisici in Chimica Organica, parte A (spettroscopia NMR, 4 CFU), per il CdL magistrale in Scienze Chimiche; (iv) Spettrochimica organica (4 CFU) per il CdL magistrale in Chimica Industriale, mutuato dal precedente.