Ecologia del paesaggio

CODICE: 65639
SSD: BIO/03
DOCENTE: Carlo MONTANARI

Ecologia del Paesaggio BIO/03

Docente: Carlo MONTANARI

II semestre

Crediti in totale: 9

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il corso ha lo scopo di fornire le basi teoriche e gli strumenti metodologici per l’interpretazione dei paesaggi come espressione dei fattori ambientali e culturali.
Concetto di paesaggio e sua evoluzione; il paesaggio come sistema complesso; il paesaggio nella legislazione italiana ed europea. Paesaggi culturali. Biodiversità dei paesaggi.
La vegetazione come caratteristica del paesaggio ed espressione dei fattori ambientali: analisi di caratteri strutturali e funzionali delle fitocenosi; determinismo ecologico e uso delle risorse; dinamica della copertura vegetale. La fitosociologia e la cartografia della vegetazione per la caratterizzazione e rappresentazione di paesaggi vegetali; sinfitosociologia; sistemi paesistici. Paesaggi vegetali in Italia e nel mondo. Esempi di uso di fonti biostratigrafiche e storiche per la valorizzazione dei paesaggi culturali.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

PIGNATTI S., 1994 - Ecologia del paesaggio, UTET, Torino.
Altri testi utili:
GIACOMINI V., FENAROLI L., 1958,  La Flora. Collana "Conosci l'Italia", T.C.I., Milano
POLUNIN O. e WALTERS M., 1987,  Guida alle vegetazioni d'Europa, Zanichelli, Bologna
INGEGNOLI V. e PIGNATTI S., 1996,  L’Ecologia del paesaggio in Italia. Città Studi Edizioni, Milano
PIGNATTI S.,1976 - Geobotanica. In: CAPPELLETTI, Botanica, vol. II, UTET, Torino
PIGNATTI S. et al., 1995 - Ecologia vegetale, UTET, Torino
UBALDI D., 2003, Flora, fitocenosi e ambiente. Elementi di Geobotanica e Fitosociologia, Clueb, Bologna
SERENI E., 1961,  Il paesaggio agrario in Italia.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

La componente vegetale dei paesaggi viene studiata, mettendola in relazione alle cause naturali e umane che li caratterizzano, oggi come nel passato. Il corso ha quindi lo scopo di fornire le basi teoriche e gli strumenti metodologici per l’interpretazione dei paesaggi come espressione dei fattori ambientali e culturali.
Concetto di paesaggio e sua evoluzione; il paesaggio come sistema complesso; il paesaggio nella legislazione italiana ed europea. Paesaggi culturali. Biodiversità dei paesaggi
La vegetazione come caratteristica del paesaggio ed espressione dei fattori ambientali: paesaggi vegetali e loro caratteri strutturali e funzionali; determinismo ecologico e uso delle risorse; dinamica della vegetazione. La fitosociologia e la cartografia della vegetazione per la caratterizzazione e rappresentazione di paesaggi vegetali; unità di paesaggio: sinfitosociologia; esempi di sistemi paesistici. Paesaggi vegetali in Italia e nel mondo.
Paesaggi del passato: metodi di studio di paesaggi storici e preistorici; fonti biologiche e biostratigrafiche; fonti storiche; studi di ecologia storica e di archeologia ambientale per la valorizzazione dei paesaggi culturali.
Applicazioni: casi di studio; lettura e interpretazione di bibliografia specifica.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

PIGNATTI S., 1994, Ecologia del paesaggio. UTET. Torino
INGEGNOLI V. e PIGNATTI S., 1996, L’Ecologia del paesaggio in Italia. Città Studi Edizioni. Milano.
Altri testi utili:
GIACOMINI V., FENAROLI L., 1958 - La Flora. Collana "Conosci l'Italia.". T.C.I. Milano.
POLUNIN O. e WALTERS M., 1987, Guida alle vegetazioni d'Europa. Zanichelli. Bologna.
PIGNATTI S.,1976 - Geobotanica. In: CAPPELLETTI, Botanica, vol. II. UTET. Torino.
PIGNATTI S. et al., 1995 - Ecologia vegetale. UTET. Torino.
UBALDI D., 2003  Flora, fitocenosi e ambiente. Elementi di Geobotanica e Fitosociologia. Clueb. Bologna.
SERENI E., 1961  Il paesaggio agrario in Italia.

Altre notizie

Il corso si tiene presso il Polo Botanico del Dip.Te.Ris., Corso Dogali 1 m (Orto Botanico); nel suo ambito vengono svolte esercitazioni in aula e in campagna che ne costituiscono parte integrante. E’ considerata acquisita la conoscenza degli argomenti trattati nel corso di Fitogeografia e Fondamenti di Ecologia vegetale per la laurea triennale. Programmi più dettagliati verranno forniti durante il corso.

Carlo Montanari si è laureato in Scienze Naturali presso l'Università degli Studi di Genova nel 1974. Nel 1976-77 ha ricoperto il ruolo di Curatore incaricato dell'Orto Botanico dell'Università di Genova. Dal 1977 al 1981 ha usufruito di una borsa di studio del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l'Istituto di Botanica dell'Università di Bologna prima e di Genova in seguito. Dal 1981 al 2001 ha ricoperto il ruolo di Ricercatore Confermato a tempo pieno presso la Facoltà di Scienze M.F.N. e, a partire dal 2001, è Professore Associato a tempo pieno presso la stessa Facoltà. Ha svolto l’attività didattica e di ricerca presso l'Istituto di Botanica dell'Università di Genova (confluito nel Dip.Te.Ris. a partire dal 1999). Ha collaborato con ricercatori e istituzioni nel campo delle scienze applicate agli studi di archeologia e di conservazione dei Beni Culturali. Ha tenuto per il Corso di Laurea in Scienze Biologiche gli insegnamenti di Botanica e di Botanica sistematica. Per il Corso di Laurea in Geografia ha tenuto i corsi di Biogeografia, Fitogeografia, Geobotanica 1 e Geobotanica 2. Per il Corso di Laurea in Conservazione dei Beni Culturali ha tenuto i corsi di Bioarcheologia, Paleobotanica, Archeobotanica. Coordina l'attività del Laboratorio di Palinologia e Archeobotanica del Dip.Te.Ris. (Università di Genova) e, insieme a colleghi della Facoltà di Scienze e della Facoltà di Lettere e Filosofia, l’attività del Laboratorio di Storia ed Archeologia ambientale (L.A.S.A.). Fa parte della redazione della rivista scientifica “Archeologia postmedievale". Svolge ricerche di geobotanica e fitogeografia, di actuo- e paleo-palinologia e paleobotanica, di archeobotanica, antracologia e di archeologia ambientale. Attualmente è professore associato in Botanica (BIO/02), in servizio presso il Dip.Te.Ris.