Documenti e scritture dal tardo antico all’alto medioevo

CODICE: 61648
SSD: M-STO/09
DOCENTE: Antonella ROVERE

Documenti e scritture dal tardo antico all'alto medioevo M-STO/09

Docente: Antonella ROVERE

II semestre

Crediti in totale: 6

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Caratteri ed evoluzione dei documenti e delle scritture librarie e documentarie negli ultimi secoli dell'antichità e nell'alto medioevo

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu


M. AMELOTTI  G. COSTAMAGNA, Alle origini del notariato italiano, Roma 1973 ( Studi storici sul notariato italiano II), pp.3-144.
A. PETRUCCI, Breve storia della scrittura latina, pp.17-108
T. FRENZ, I documenti pontifici nel Medievo e nell'Età Moderna, Città del Vaticano : Scuola vaticana di paleografia , diplomatica e archivistica, 1989

Altro materiale bibliografico e i facsimili dei documenti e dei testi, presentati durante il corso, saranno forniti durante le lezioni e scaricabili tramite pendrive (chiavetta usb) presso lo studio del docente (DISAM, via Balbi, 2 al secondo piano).

- la conoscenza delle caratteristiche e dell’evoluzione della scrittura documentaria e libraria e del documento pubblico e privato tra tardo antico e alto medioevo;
- la capacità di leggere le suddette scritture e di riconoscere le diverse tipologie documentarie.

Antonella Rovere si è laureata presso la Facoltà di lettere e Filosofia dell'Università di Genova, dove attualmente è professore ordinario del settore M-STO709. Consigliere-Segretario della Società Ligure di Storia Patria dal 1981. Membro del Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana dei Paleografi e del comitato di redazione di "Scripta". An International Journal of Codicology and Palaeography.
Ha scelto come oggetto prevalente delle sue ricerche lo studio della produzione documentaria esaminata nei suoi rapporti d'interazione con le strutture e le ideologie delle istituzioni da cui essa dipende o a cui deve fare riferimento. In questo campo ha prodotto molti saggi che toccano direttamente il problema della produzione del documento nell'ambito dell'organizzazione burocratico-cancelleresca di matrice comunale, in particolare i libri iurium dei principali comuni nel basso medioevo italiano. Lungo questa linea di interessi, ha prodotto il più antico liber iurium genovese e guidato molte edizioni di documenti. Attualmente si sta occupando sia dell'edizione di cartolari notarili savonesi, sia delle tecniche e procedure notarili inerenti la tenuta di manuali, cartolari e filze.