Filologia greca

CODICE: 65663
SSD: L-FIL-LET/02
DOCENTE: Claudio BEVEGNI

Filologia greca L-FIL-LET/02

Docente: Claudio BEVEGNI

I semestre

Crediti in totale: 6

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

1. Plutarco, Amatoriae narrationes: lettura filologico-critica e confronto con la traduzione latina di Angelo Poliziano.
2. Analisi critico-testuale di passi tratti da autori di età classica, imperiale e protobizantina.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

- Plutarque, Histoires d'amour. Texte établi et traduit par M. Cuvigny, Paris [Les Belles Lettres] 1980
- Angelus Politianus. Opera omnia. A cura di Ida Maier. Tomus primus: Scripta in Editione Basilensi anno MDLIII collecta, Torino 1971, pp. 436-9

inoltre richiesta la lettura di:
- P. Chiesa, Elementi di critica testuale, Bologna, Pàtron, 2002

La disciplina si propone di fornire le nozione basilari della filologia greca. Gli studenti dovranno acquisire una conoscenza adeguata della terminologia critico-testuale, che consenta loro l'interpretazione di un apparato critico: l'obiettivo sarà perseguito tramite la lettura di testi in edizione critica con analisi dell'apparato e con l'esame delle principali tipologie di errore presenti nei manoscritti. Inoltre saranno forniti i dati storici essenziali e i princìpi di base della critica del testo, con una sintetica panoramica dall'età alessandrina al metodo stemmatico della filologia moderna.

Claudio Bevegni è professore associato (L-FIL-LET/02) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova (DARFICLET, Sezione Ellenica), dove insegna Filologia Greca e Letteraura Greca. Ha svolto periodi di ricerca e di studio presso le Università di Oxford, Madrid e Parigi. Ha insegnato Filologia greca e Filologia bizantina presso le Facoltà di Lettere di Trento e di Sassari, Filologia greca e Letteratura greca presso la Facoltà di Lettere di Genova. La sua attività di ricerca, incentrata sull’analisi filologica dei testi greci (e anche latini) e sulla critica del testo, ha prodotto sei edizioni critiche di testi inediti sia greci (di età imperiale e bizantina) sia latini (di età umanistica); tre volumi con l’editore “Adelphi” (traduzione e commento di Biblioteca di Fozio, Storie varie di Eliano; edizione italiana commentata della Storia di San Cipriano di Eudocia Augusta); oltre 60 articoli di contenuto filologico-critico e letterario in riviste italiane e straniere (tra cui “Philologus”, “L’Antiquité Classique”, “Byzantinische Zeitschrift”, “Obesity Surgery”, “Studi Italiani di Filologia Classica”, “Bollettino dell’Accademia dei Lincei”, “Maia”, “La Parola del Passato”, “Orpheus”) e in pubblicazioni collettive, nonché oltre 50 recensioni. Le sue principali linee di ricerca riguardano: studi sulla letteratura greca di età imperiale (in particolare Plutarco e Luciano); la poesia tardoantica (in particolare il De sancto Cypriano di Eudocia Augusta, in vista di una nuova edizione critica); la letteratura umanistica greca (Poliziano filologo e lettore di Plutarco e Claudio Eliano).