Cultura e istituzioni latine

CODICE: 66455
SSD: L-FIL-LET/04
DOCENTE: Giuseppina CARILLI

Cultura e istituzioni latine L-FIL-LET/04

Docente: Maria Giuseppina CARILLI

II semestre

Crediti in totale: 12

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

a) Inquadramento storico della letteratura latina, dall'età preletteraria ad Apuleio: periodizzazione, generi e cenni sugli autori principali (Ennio, Plauto, Terenzio, Catone, Lucilio, Cicerone, Varrone, Cesare, Catullo, Lucrezio, Sallustio, Virgilio, Orazio, Tibullo, Propezio, Livio, Vitruvio, Seneca, Persio, Lucano, Petronio, Plinio il vecchio, Quintiliano, Stazio, Marziale, Plinio il giovane, Tacito, Giovenale, Svetonio, Gellio e Apuleio).
b) Traduzione e commento di pagine antologiche della fabula di Amore e Psiche (dalle Metamorfosi di Apuleio), con riscontri iconografici antichi e moderni.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

a) Giovanni Cipriani, Storia della letteratura latina. Idee, testi e contesti. Voll. I e II, Einaudi Scuola, Milano 2002
oppure
Elisa Romano, Giusto Picone, Fabio Gasti, Lezioni romane. Letteratura, testi e civiltà, voll. I - II- III, Loescher, Torino 2008.
b) Una qualunque edizione del testo latino della favola di Amore e Psiche.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

a) Inquadramento storico della letteratura latina, dall'età preletteraria ad Apuleio: periodizzazione, generi e cenni sugli autori principali (Ennio, Plauto, Terenzio, Catone, Lucilio, Cicerone, Varrone, Cesare, Catullo, Lucrezio, Sallustio, Virgilio, Orazio, Tibullo, Propezio, Livio, Vitruvio, Seneca, Persio, Lucano, Petronio, Plinio il vecchio, Quintiliano, Stazio, Marziale, Plinio il giovane, Tacito, Giovenale, Svetonio, Gellio e Apuleio).
b) Traduzione e commento di pagine antologiche della fabula di Amore e Psiche (dalle Metamorfosi di Apuleio), con riscontri iconografici antichi e moderni.
c) Aspetti della Roma al tempo dei Flavi attraverso gli epigrammi di Marziale.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

a) Giovanni Cipriani, Storia della letteratura latina. Idee, testi e contesti. Voll. I e II, Einaudi Scuola, Milano 2002
oppure
Elisa Romano, Giusto Picone, Fabio Gasti, Lezioni romane. Letteratura, testi e civiltà, voll. I ? II- III, Loescher, Torino 2008.
b) Una qualunque edizione del testo latino della favola di Amore e Psiche.
c) I testi degli epigrammi oggetto di lettura saranno forniti in fotocopia dal docente.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

a) Inquadramento storico della letteratura latina, dall'età preletteraria ad Apuleio: periodizzazione, generi e cenni sugli autori principali (Ennio, Plauto, Terenzio, Catone, Lucilio, Cicerone, Varrone, Cesare, Catullo, Lucrezio, Sallustio, Virgilio, Orazio, Tibullo, Propezio, Livio, Vitruvio, Seneca, Persio, Lucano, Petronio, Plinio il vecchio, Quintiliano, Stazio, Marziale, Plinio il giovane, Tacito, Giovenale, Svetonio, Gellio e Apuleio).
b) Traduzione e commento di pagine antologiche della fabula di Amore e Psiche (dalle Metamorfosi di Apuleio), con riscontri iconografici antichi e moderni.
c) Aspetti della Roma al tempo dei Flavi attraverso gli epigrammi di Marziale.
d) Conoscenze essenziali della sintassi dei casi e del periodo, con esercitazioni pratiche sui testi latini.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu


a) Giovanni Cipriani, Storia della letteratura latina. Idee, testi e contesti. Voll. I e II, Einaudi Scuola, Milano 2002
oppure
Elisa Romano, Giusto Picone, Fabio Gasti, Lezioni romane. Letteratura, testi e civiltà, voll. I - II- III, Loescher, Torino 2008.
b) Una qualunque edizione del testo latino della favola di Amore e Psiche.
c) I testi degli epigrammi oggetto di lettura saranno forniti in fotocopia dal docente.
d) S. Nicola, Optimus digitans, voll. I e II, Petrini editore, Torino 2008.
oppure
A. Traina, T. Bertotti, L. Pasqualini, A. Toschi, L. Reggiani, I. Morfologia e sintassi latina; II Esercizi per la morfologia - lessico di una civiltà, Cappelli editore, Bologna 2007.

Altre notizie

Ulteriori indicazioni bibliografiche e fotocopie saranno fornite nel corso delle lezioni.
L'insegnamento da 6 crediti è rivolto agli studenti del II anno del curriculum di beni archeologici.
L'insegnamento da 12 crediti è rivolto agli studenti del I anno del curriculum di beni archivistici e librari.
Chi è impossibilitato a frequentare è pregato di contattare il docente per ritocchi al programma.

L’insegnamento di Cultura e istituzioni latine si propone di introdurre alla conoscenza delle forme della comunicazione di Roma antica, dalle espressioni preletterarie all’età di Apuleio, di approfondire aspetti non solo della letteratura, ma della cultura latina in genere e di fornire un consolidamento delle conoscenze della lingua latina, per una miglior fruizione dei testi originali.

Maria Giuseppina Carilli, nata a Genova il 6 /2/ 1951, si è laureata in Lettere presso l’Università di Genova, dove ha conseguito anche il diploma di perfezionamento in Filologia classica; vincitrice della cattedra di materie letterarie, latino e greco (bandita a concorso con D.M. 5/5/ 1973 ) presso il liceo classico di Portogruaro (Ve), ha rinunciato alla suddetta a favore dell’attività di ricerca presso l’Istituto di Filologia classica e medievale (attuale sezione linguistico - letteraria del DARFICLET) dell’Università di Genova, dove ha prestato servizio prima come assegnista, poi come ricercatore confermato (a tutt’oggi) e ha tenuto i corsi didattici di Lettorato di Latino e di Metrica latina. La sua attività di ricerca si articola secondo due linee principali: filologico-grammaticale e linguistico-letteraria; alla prima afferiscono articoli sul grammatico Nonio e sulla tradizione indiretta di Plauto e Cicerone, l’edizione critica dei frammenti di Laberio in Nonio e della Pro Ligario (quest’ultima in corso); alla seconda traduzioni di Cicerone, studi sulle fonti epigrammatiche di Catullo, sulla lingua di Virgilio e sui carmi di Orazio (quest’ultimo in corso).