Storia dell’arte moderna (Conservazione dei Beni Culturali)

CODICE: 65087
SSD: L-ART/02
DOCENTE: Lauro G. MAGNANI

Storia dell'arte moderna L-ART/02

Docente: Lauro G. Magnani

II semestre

Crediti in totale: 12

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Storia dell’arte oggi, tra beni culturali, storia dei manufatti, qualità formali.
I temi del dibattito sul patrimonio culturale artistico.
Dinamica dei fatti storico - artistici dal Rinascimento al Neoclassicismo

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Per le conoscenze di base della dinamica dei fatti storico artistici ci si potrà avvalere di un manuale a scelta tra BERTELLI-BRIGANTI-GIULIANO, Storia dell’arte italiana, Electa- Mondadori, DE VECCHI-CERCHIARI, Arte nel tempo, Bompiani, o i volumi Il Rinascimento, Dal Rinascimento alla Maniera, Barocco e Rococò e la prima parte del volume Neoclassicismo e Romanticismo della collana Arte nella Storia, a cura di BERTELLI-BRIGANTI-GIULIANO, edita da Electa- Mondadori. Sarà inoltre richiesta una lettura a scelta tra alcuni testi proposti durante il corso.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Storia dell’arte oggi, tra beni culturali, storia dei manufatti, qualità formali.
I temi del dibattito sul patrimonio culturale artistico.
Dinamica dei fatti storico - artistici dal Rinascimento al Neoclassicismo.
Temi di approfondimento tra committenza, ruolo dell’artista, contesto culturale, interpretazione.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Per le conoscenze di base della dinamica dei fatti storico artistici ci si potrà avvalere di un manuale a scelta tra BERTELLI-BRIGANTI-GIULIANO, Storia dell’arte italiana, Electa- Mondadori, DE VECCHI-CERCHIARI, Arte nel tempo, Bompiani, o i volumi Il Rinascimento, Dal Rinascimento alla Maniera, Barocco e Rococò e la prima parte del volume Neoclassicismo e Romanticismo della collana Arte nella Storia, a cura di BERTELLI-BRIGANTI-GIULIANO, edita da Electa- Mondadori. Sarà richiesta una lettura a scelta tra alcuni testi proposti durante il corso. Per gli approfondimenti previsti per l'insegnamento da 9 CFU la bibliografia verrà indicata a inizio corso.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

Storia dell’arte oggi, tra beni culturali, storia dei manufatti, qualità formali.
I temi del dibattito sul patrimonio culturale artistico.
Dinamica dei fatti storico - artistici dal Rinascimento al Neoclassicismo.
Temi di approfondimento tra committenza, ruolo dell’artista, contesto culturale, interpretazione.
Letture iconografiche e verifiche sul territorio.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

Per le conoscenze di base della dinamica dei fatti storico artistici ci si potrà avvalere di un manuale a scelta tra BERTELLI-BRIGANTI-GIULIANO, Storia dell’arte italiana, Electa- Mondadori, DE VECCHI-CERCHIARI, Arte nel tempo, Bompiani, o i volumi Il Rinascimento, Dal Rinascimento alla Maniera, Barocco e Rococò e la prima parte del volume Neoclassicismo e Romanticismo della collana Arte nella Storia, a cura di BERTELLI-BRIGANTI-GIULIANO, edita da Electa- Mondadori. Sarà richiesta una lettura a scelta tra alcuni testi proposti durante il corso. Per gli approfondimenti previsti per l'insegnamento da 9 CFU e per quello da 12 CFU la bibliografia verrà indicata a inizio corso.

 

L’insegnamento di “Storia dell’arte moderna” ha l’obiettivo di portare gli studenti a conoscere le dinamiche della produzione artistica dal primo Rinascimento agli inizi dell’Ottocento e a possedere modelli interpretativi di quei fenomeni, in particolare a legare i manufatti artistici alla cultura, alla società  e al tessuto territoriale in cui si determinano.

Lauro Magnani è professore ordinario di Storia dell'arte moderna presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova. In precedenza ha insegnato Storia dell’Arte veneta all’ l’Università di Padova. L’analisi della produzione pittorica, scultorea e grafica tra XVI e XVIII secolo, i rapporti tra committenti e artisti, le scelte iconografiche e il tema dei giardini storici, risultano le linee principali della sua ricerca. In questi studi si inseriscono - le partecipazioni alla cura di mostre da "Genova nell'età barocca" a "Pierre Puget" e a “Luca Cambiaso” - le monografie, i saggi, realizzate o pubblicati in Italia, in diversi paesi europei, negli Stati Uniti, in Cina. Gli studi su ville e giardini hanno proposto un metodo volto a leggere architetture, apparato decorativo e proiezione sul paesaggio in un unico nesso e in rapporto con le dinamiche sociali: numerosi su questo tema gli interventi in Italia e all'estero, dalla monografia su Genova alle collaborazioni con il Dumbarton Oaks di Washington dove è stato Summer Fellow nel 1997. Nel campo degli studi iconografici si inseriscono le pubblicazioni sulla produzione artistica dopo il Concilio di Trento, con particolare attenzione al rapporto tra immagine e aspetti della visione e dell’estasi. Le problematiche dei beni culturali, dalla tutela alla valorizzazione, fanno parte dei suoi interessi, sviluppati ultimamente anche sul tema delle nuove tecnologie, attraverso l’insegnamento e le collaborazioni avviate presso la Facoltà di Ingegneria.