Geografia fisica e geomorfologia

CODICE: 53190
SSD: GEO/04
DOCENTE: Pierluigi BRANDOLINI

Geografia fisica e geomorfologia GEO/04

Docente: Pierluigi BRANDOLINI

I semestre

Crediti in totale: 12

Modulo I (crediti 6)

GEOGRAFIA FISICA - Il sistema climatico - La composizione dell'atmosfera - La struttura verticale dell'atmosfera - Tempo atmosferico e clima - Radiazione solare e riscaldamento dell'atmosfera - Le variazioni spaziali e stagionali del riscaldamento - La pressione atmosferica e i venti - La circolazione atmosferica generale - L'umidità atmosferica - L'evaporazione - La misura dell'umidità - La condensazione - Le precipitazioni - I flussi atmosferici transitori e le perturbazioni - Le masse d'aria - I fronti - Le zone e i tipi climatici - La classificazione dei climi - L'idrosfera - Il ciclo idrologico - Gli oceani - I ghiacci permanenti - Le acque superficiali e sotterranee

Bibliografia

in alternativa uno dei seguenti testi:
T.L. MCKNIGHT, D. HESS, Geografia fisica. Comprendere il paesaggio (edizione italiana a cura di Francesco Dramis), Piccin, Padova, 2005 (capitoli dal 3 al 9).
A.N. STRAHLER, Geografia fisica, Piccin, Padova, 1984 (capitoli dal 7 al 17).

Modulo II (crediti 6)

GEOMORFOLOGIA - Introduzione allo studio delle forme della superficie terrestre - Processi morfogenetici endogeni ed esogeni e impatto sul paesaggio - I fenomeni preparatori dell'erosione: l'alterazione meteorica e i movimenti di massa - L'impatto dell'alterazione meteorica e dei movimenti di massa sul paesaggio - Le forme e i processi fluviali - Le forme e i processi costieri - I processi di dissoluzione e il paesaggio carsico - Il paesaggio delle regioni aride - L'azione del vento - Il modellamento glaciale - L'ambiente periglaciale

Bibliografia

in alternativa uno dei seguenti testi:
T.L. MCKNIGHT, D. HESS, Geografia fisica. Comprendere il paesaggio (edizione italiana a cura di Francesco Dramis), Piccin, Padova, 2005 (capitoli dal 13 al 20).
A.N. STRAHLER, Geografia fisica, Piccin, Padova, 1984 (capitoli dal 22 al 33).


compendiato per la lettura ed interpretazione geomorfologica delle carte topografiche da:
U. SAURO, M. MENEGHEL, A. BONDESAN, B. CASTIGLIONI, Dalla carta topografica al paesaggio, Vicenza, ZetaBeta Editrice, 2005.

Altre notizie

Durante il corso saranno svolte esercitazioni in aula/laboratorio, escursioni didattiche e/o visite a strutture di ricerca e monitoraggio ambientale

Obiettivi formativi del corso sono lo studio del "sistema ambiente" mediante l'analisi degli elementi e dei processi fisici connessi con la dinamica esogena della geosfera; verranno affrontati in particolare lo studio del clima, dell'idrosfera, della criosfera e delle forme della superficie terrestre.

Pierluigi Brandolini si è laureato in Scienze Geologiche nel 1984 ed ha conseguito nel 1989 il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Geografiche e Cartografiche presso l'Università degli Studi di Genova. Nominato ricercatore universitario nel 1992, è dal 2000 Professore Associato nel settore scientifico-disciplinare Geo/04 - Geografia fisica e Geomorfologia presso l’Università di Genova, dove insegna Geografia fisica, Geomorfologia, Geologia ambientale e Geoturismo nell’ambito dei corsi di laurea triennali e magistrali in Scienze Geografiche. Afferisce al dipartimento DISAM, nell’ambito del quale è responsabile del Laboratorio di Cartografia ambientale e G.I.S. L’attività scientifica, attraverso la partecipazione a progetti nazionali (Ateneo, MIUR, CNR,) ed internazionali (Commissione Europea, Cooperazione), si è focalizzata principalmente nei seguenti campi di studio: 1) evoluzione geomorfologico-ambientale delle fasce costiere, con particolare riguardo alle coste alte rocciose; 2) fenomeni franosi ed eventi alluvionali in rapporto agli insediamenti antropici, alle variazioni dell’uso del suolo ed alle precipitazioni intense; 3) impatto delle attività antropiche sulle condizioni geomorfologiche, con approfondimenti sull’analisi del paesaggio agrario terrazzato; 4) patrimonio geomorfologico come strumento di valorizzazione turistica e salvaguardia ambientale; 5) rapporti tra clima, rischi geomorfologici e sviluppo turistico. È stato responsabile scientifico di contratti di ricerca con Enti pubblici che hanno riguardato studi a supporto di interventi di difesa, recupero e tutela dell’ambiente e della redazione di strumenti pianificazione territoriale. La produzione scientifica si articola in circa 100 contributi, pubblicati su riviste nazionali e internazionali, rivolti alla trattazione del territorio regionale, con diverse applicazioni e raffronti in ambito nazionale e mediterrraneo.

Pierluigi Brandolini, born in Lavagna (Ge) in 1959, got a degree in Geological Sciences in 1984 at University of Genoa and the PhD in Geographical and Cartographical Sciences in 1989. He became university researcher in 1992 and Associate Professor in 2000 in the field of Physical Geography and Geomorphology (Geo/04) at the University of Genoa. He teaches Physical Geography, Cartography and air photograph-interpretation, Geotourism in first and second level Courses of Geographical Sciences. His scientific activities, in the framework of national and international research program (MIUR, CNR, European Commission), has been mainly focused on the following fields: 1) geomorphological evolution of coastal zone, in particular of high roky coast; 2) landslide phenomena and flooding events in relation to human settlements, landuse modifications and heavy rainfalls; 3) anthropic impact on geomorphological conditions in particular on terraced slopes; 4) geomorphological heritage as means of tourism enhancement and environmental protection; 5) relation between climate, geomorphological risk, cultural heritage and tourism. He has been scientific coordinator of research contracts with Public Bodies, regarding  studies backing interventions of environmental protection and landplanning, with the drafting of specific thematic maps. His scientific output consists of about 100 papers published on national and international periodicals, mainly dealing with Ligurian area, with some applications in Italian and Mediterranean cases.