Storia del mediterraneo

CODICE: 53259
SSD: M-STO/01
DOCENTE: Silvana FOSSATI RAITERI

M-STO/01 -  Storia del Mediterraneo

Docente: Silvana FOSSATI RAITERI

I semestre

Crediti in totale: 6

Modulo unico (crediti 6)

Santiago di Compostela e i luoghi Santi: Crociata o Riconquista? Per terra o per mare in entrambi i casi?

Bibliografia

Testi di riferimento:

a) Il codice callistino, prima ed. italiana. Traduzione e introduzione di V.M.Berardi, pres. di P.Caucci Von Saucken, 2008

b) El camì de Sant Jaume i Catalunya. Actes del Congrés internacional, Barcelona, 2003 ( Articoli di G.Cherubini e S.Fossati Raiteri)

c) Tolan, "L'incontro di Francesco d'Assisi e l'Islam", Laterza, 2008

Altre notizie

Il corso avrà carattere seminariale

Il corso intende approfondire temi particolari della storia del Mediterraneo in età medievale (colonizzazione, Crociate, viaggi) soprattutto sulla base di documenti notarili o relazioni di viaggi, che vengono discussi in appositi seminari.

Silvana Raiteri. Laureatasi in Lettere presso l’Università di Genova, dopo aver conseguito il diploma in Discipline Archivistiche e Paleografia presso l’Archivio di Stato di Genova, ha svolto ricerche negli Archivi di Genova, Milano e soprattutto spagnoli, quali Barcellona, Valencia, Simancas e Siviglia, dove è stata anche Visiting professor nel corrispondente Ateneo. E’ attualmente professore associato di Storia medievale nel Disam (Dipartimento di Scienze dell’Antichità, del medioevo e Geografico-ambientali) dell’Università di Genova, dove insegna Storia del Commercio e della Navigazione Medievali. Ha ricoperto anche gli insegnamenti di Istituzioni medievali e Numismatica, Sfragistica e Araldica. E’ autrice di numerosi articoli pubblicati anche in Riviste straniere, e in Atti dei Congressi della Corona di Aragona, cui ha partecipato nel corso degli anni. Principali linee di ricerca il mondo coloniale genovese, le relazioni tra Genova e il regno catalano-aragonese, evidenziato nello studio dei trattati internazionali, la conquista del mercato iberico da parte dei finanzieri genovesi, in preparazione del Siglo de los genoveses, infine i legami tra il clan Boccanegra, in esilio e i potenti clan familiari genovesi presenti nella penisola iberica, in particolare gli Spinola di Granada.