Tradizioni e proiezioni della letteratura latina

CODICE: 53127
SSD: L-FIL-LET/04
DOCENTE: Ferruccio BERTINI

L-FIL-LET/04 - Tradizioni e proiezioni della letteratura latina

Docente: Ferruccio BERTINI

I semestre

Crediti in totale: 6

Modulo unico (crediti 6)

Le favole di Fedro

Bibliografia

Fedro. Favole, testo latino a fronte, a cura di Giannina Solimano, Garzanti libri, Milano 2007.
F. Bertini, Interpreti medievali di Fedro, Liguori (collana Nuovo Medioevo, Napoli 1998.
AA.VV., Favolisti latini medievali e umanistici XIV, DARFICLET, Genova 2009 (in corso di stampa).

Altre notizie

La disciplina deve essere inserita nel piano di studio come insegnamento autonomo di 6 CFU.

Obiettivi formativi: gli obiettivi formativi hanno lo scopo di far sì che gli studenti acquisiscano le seguenti conoscenze, competenze e abilità:
- comprendere le interrelazioni tra i modelli della tradizione classica latina e le loro riprese nelle età successive (tardoantica, cristiana, medievale, umanistica e rinascimentale);
- saper interpretare e commentare un testo applicando a esso strumenti e modalità di approccio critico-filologici.
- conoscere il panorama completo della letteratura latina classica e sapere individuare in quali opere delle epoche successive siano stati utilizzati i medesimi criteri per la costruzione e la fruizione del nuovo testo.
Due moduli:
1° modulo (20 ore): Scelta di uno o due autori classici la cui influenza si esercita nelle età successive
2° modulo (20 ore): Prosecuzione dell’esame sugli autori che hanno subito l’influenza di quelli esaminati nel primo modulo.

Ferruccio Bertini è ordinario di Letteratura latina presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova, presso la quale ha insegnato anche per 25 anni Letteratura latina medievale. Dal 1990 al 1996 è stato Preside della Facoltà, dal 1997 al 2004 Direttore del DARFICLET, dal 2000 al 2003 è stato Presidente del Collegio dei Direttori di Dipartimento dell'Università di Genova e dal 2001 al 2004 è stato Presidente della Consulta Universitaria di Studi Latini. E' socio dell'Accademia Properziana del Subasio, dell'Accademia Ligure di Scienze e Lettere e Presidente dell'Istituto Internazionale di Studi Piceni. Dal 1979 al 1990 è stato condirettore della rivista "Sandalion". E' responsabile della sez. lessicografica della SISMEL, responsabile di redazione di "Medioevo latino" e condirettore dal 1993 della rivista "Maia". Dal 1999 cura la pubblicazione degli articoli della rivista "Studi Umanistici Piceni", della quale è anche condirettore. E' direttore e responsabile scientifico di alcune collane del DARFICLET ("Commedie latine medievali", "Favolisti latini medievali e umanistici", "Lexicographica"). Fa parte del Comitato Scientifico della rivista "Silvae" ed è condirettore della collana "FuturAntico". E' autore di 25 volumi e di diverse curatele, di circa 250 articoli, saggi e recensioni su riviste italiane e straniere, anche in lingua inglese e spagnola.
Gli interessi culturali e gli ambiti della ricerca riguardano il teatro latino classico e medievale, la favolistica latina classica e medievale, la lessicografia latina e mediolatina, la storiografia latina e mediolatina.