Filosofia morale

CODICE: 52906
SSD: M-FIL/03
DOCENTE: Domenico VENTURELLI

M-FIL/03 - Filosofia morale

Docente: Domenico VENTURELLI

I semestre

Crediti in totale: 9

Modulo I (crediti 6)

La morale come problema.
A irrisione di ogni loro previo ‘sapere’, gli individui giungono per lo più a proprie spese e spesso troppo tardi a quella conoscenza del bene e del male che il vecchio serpente promise una volta, per suprema ironia, a un uomo e a una donna. Il sapere di non sapere di Socrate e la sua incondizionata fiducia nel logos, il tentativo di Kant di fondare la morale sulla legislazione pratica della ragione pura, la critica del dogmatismo morale e la decifrazione della logica del sentimento e degli affetti in Nietzsche sono, nei loro intrecci e nelle loro opposizioni, avvii decisivi per illustrare il carattere problematico della morale e delle morali, per orientarsi criticamente, oggi, in ambito morale.

Bibliografia

Platone, Critone (Bompiani, 2004) o, in alternativa, Apologia di Socrate (Garzanti, 2007).
I. Kant, Fondazione della metafisica dei costumi (BUR, 2002) o, in alternativa, Critica della ragion pratica (Laterza, 2001)  
F. Nietzsche, Aurora. Pensieri sui pregiudizi morali, Prefazione e libri I, II e III (Adelphi, 1978).

Modulo II (crediti 3)

L’eterno ritorno dell’eguale nel suo significato cosmologico e morale.
L’intento del ciclo di incontri, bilanciato tra la forma della lezione e quella del seminario, è di presentare, in correlazione col problema del nichilismo europeo, l’insegnamento fondamentale di Nietzsche come unione di teoria cosmologica e dottrina morale.

Bibliografia

Riflessioni condotte su testi scelti di F. Nietzsche, La gaia scienza, Frammenti postumi 1881-1882, Così parlò Zarathustra.
M. Heidegger, Il nichilismo europeo, Adelphi, Milano 2003.
D. Venturelli, Nobiltà e sofferenza. Musica, Religione, Filosofia in F. Nietzsche, il melangolo, Genova 2006, cap. 1 e cap. 5.

Presentare le linee evolutive e i temi fondamentali della disciplina, che riguardano - a partire dai problemi della libertà, dell'origine del male, della natura del bene - la forma della condotta umana, i principi, i moventi e gli scopi dell'azione, i concetti della virtù e della felicità, la pluralità, la relatività o l'assolutezza dei valori. Offrire sulla base dell'interpretazione di testi di filosofi antichi, medievali, moderni e contemporanei l'opportunità di un impegno in forma attiva nella comprensione dei classici del pensiero morale. Favorire, infine, la formazione di personalità libere e responsabili, capaci di orientarsi autonomamente.

Domenico Venturelli, nato a Riva Trigoso nel 1947, laureato nel 1971 a Genova con Alberto Caracciolo, dal 1971 al 1987 è stato borsista, contrattista e ricercatore confermato. Dal 1987 al 1991 è stato professore ordinario di Filosofia della storia presso l'Università della Calabria. Dal 1991-92 ad oggi è professore ordinario di Filosofia morale nell'Ateneo genovese. Membro del Comitato di consulenza del Giornale di Metafisica e socio corrispondente dell'Accademia Ligure di Scienze e Lettere, ha avviato presso Il Melangolo la collana Ethos e Poiesis, studi e testi in memoria di Alberto Caracciolo. Con le edizioni dell'Orso, in collaborazione con Giovanni Moretto, ha curato la collana Etica ed ermeneutica. E' autore di vari volumi e curatore di numeri monografici di Humanitas e Per la filosofia. Le sue ricerche riguardano la filosofia critica di Kant, l'idealismo trascendentale e il problema del nichilismo; i rapporti tra etica, ontologia e religione; il significato di Nietzsche, Heidegger, Levinas per il pensiero d'oggi; figure di filosofi italiani del 900: Labriola, Croce, Gentile, Levi, Caracciolo, Pareyson, Piovani; saggi d'interpretazione filosofica di testi religiosi.
Home Page