Lingua e istituzioni latine

SSD: L-FIL-LET/04
DOCENTE: Maria Teresa VITALE

L-FIL-LET/04 – Lingua e Istituzioni Latine

Docente: Maria Teresa VITALE

II semestre

Crediti in totale: 6

Modulo unico (crediti 6)

Dal testo alla sintassi: conoscenze essenziali della sintassi dei casi e del periodo; profilo storico della lingua latina e della sua evoluzione attraverso le età e i generi letterari con particolare attenzione allo studio della lingua latina dei beni culturali.

Bibliografia

Un manuale a scelta tra:

S. NICOLA, Optimus digitans, voll. I e II, Petrini Editore, Torino, 2008;

A. TRAINA, T. BERTOTTI, L. PASQUALINI, A. TOSCHI, L. REGGIANI, I. Morfologia e sintassi latina; II. Esercizi per la morfologia-lessico di una civiltà, Cappelli Editore, Bologna, 2007.

I. MAZZINI, Storia della lingua latina e del suo contesto, Salerno Editrice, Roma, 2007 (le parti da trattare saranno concordate con gli studenti durante le lezioni; i brani oggetto di lettura saranno forniti in fotocopia dal docente).

L'insegnamento di “Lingua e istituzioni latine” si pone l'obiettivo di fornire le conoscenze essenziali delle strutture fondamentali della lingua latina, enucleate da autori e testi di particolare interesse per la lingua latina dei beni culturali.

Maria Teresa Vitale, ricercatore confermato TP presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Genova, inquadrata nel settore L.FIL.LET/04-Lingua e letteratura latina, ha insegnato presso questa Facoltà Istituzioni di lingua latina per il CdS triennale in Conservazione dei beni culturali e Cultura latina per il CdS magistrale in Letterature e civiltà moderne.
Ha iniziato la sua attività di ricerca studiando i trattati dei grammatici latini, di cui ha approfondito aspetti e problematiche inerenti alla terminologia grammaticale o al valore semantico di prestiti e calchi. Ha poi volto i suoi interessi a studi di carattere specificatamente linguistico e morfologico e anche filologico, trattando questioni esegetico-testuali presenti nelle opere di Ennio, Pseudo-Seneca, Albinovano Pedone, Alcestis Barcinonensis, Aegritudo Perdicae. Ha anche indagato problemi di tecnica allusiva e di fortuna di alcuni autori latini in età medioevale, umanistica e rinascimentale. Ultimamente ha appuntato l’attenzione su temi relativi ad alcuni fenomeni della latinità (per es. la cultura della donna romana, i rapporti fra intellettuali e lo stato, la diffusione della cultura attraverso le biblioteche, il concetto di paraletteratura della latinità, etc.). Al momento sta interessandosi ad autori e testi medievali e umanistici, con particolare riguardo al teatro umanistico.