Grammatica e didattica della lingua greca

SSD: L-FIL-LET/02
DOCENTE: Serena SALOMONE, Maurizia MATTEUZZI

L-FIL-LET/02 – Grammatica e Didattica della Lingua Greca

Docenti: Serena SALOMONE, Maurizia MATTEUZZI

I semestre

Crediti in totale: 9

Modulo l (crediti 6)

Docente: Serena SALOMONE

Grammatica Greca.

La grammatica che rivela, la grammatica che cela ovvero: linguaggio apocalittico, linguaggio criptico.

Bibliografia

PLUTARCO, Gli Oracoli della Pizia.

DELCOURT MARIE, L’oracolo di Delfi, tr. It. Genova 1990.

Ulteriori testi di riferimento e bibliografia verranno consigliati durante lo svolgimento del modulo.

Contattare il docente nell’orario di ricevimento per chiarimenti e per concordare il programma in caso di problemi di frequenza.

Modulo ll (crediti 3)

Docente: Maurizia MATTEUZZI

Didattica del Greco.

Strumenti di base e metodologie per l’insegnamento della lingua e della letteratura Greca. La figura di Clitemnestra: un percorso intertestuale.

Bibliografia:

Un manuale a scelta di Storia del Teatro Greco.

I testi relativi alla parte monografica saranno forniti in fotocopia.

(Grammatica greca / Didattica del greco)
Il modulo di Grammatica greca ha lo scopo di far conoscere agli studenti le basi fondamentali della Grammatica Greca nella sua evoluzione storica e gli elementi di natura stilistico-grammaticale caratteristici dei diversi generi letterari, degli autori e delle opere più significative, attraverso la studio di manuali e una lettura in lingua originale di testi di media difficoltà in prosa e in poesia.Il modulo di Didattica del greco si propone di fornire ai futuri docenti di lingua e letteratura greca, accanto a nozioni di base sulle metodologie didattiche, approfondimenti  relativi a lingua, letteratura e cultura greca  tramite lettura in originale e commento di testi di epoche e tipologie diverse, nonché percorsi intertestuali tematici.  Sono previste altresì prove pratiche destinate a far acquisire dimestichezza con gli strumenti bibliografici fondamentali (tradizionali e on line) e volte ad affinare le tecniche di traduzione.

Serena Salomone è ricercatore confermato presso il Dipartimento di Archeologia, Filologia Classica e loro Tradizioni (DARFICLET) -Sezione Ellenica- Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Genova.
Laureata nel Giugno 1970 in Lettere Classiche. Dopo un periodo di studi presso l’università di St. Andrews nella Faculty of Arts (Prof. K. Dover), esercitazionista, assistente incaricato di Antichità Greche e Romane, contrattista, infine ricercatore confermato con affidamento della cattedra di Grammatica Greca e Latina e poi di Grammatica Greca. Docente del Corso di Perfezionamento in Didattica delle Lingue e Letterature Classiche, del Corso di Perfezionamento in Approcci e Metodi per la Didattica delle Discipline Classiche, del Corso di Perfezionamento in Cultura Classica e Tradizione Europea; docente delle Uni III di Savona, Genova, Rapallo. È stata vice direttore del Dipartimento (DARFICLET), autrice di saggi, monografie, articoli e recensioni su riviste italiane e straniere. Ha collaborato con l’Enciclopedia Virgiliana (ed. Treccani), ha partecipato a Seminari e Congressi nazionali e internazionali.
Lo studio grammaticale della prosa e poesia ellenica si svolge fondamentalmente su tre direttrici: 1)retorico-grammaticale 2)ethico-stilistico 3)ritmico-gestuale, (vale a dire musicale). Accanto a questi ambiti di ricerca, altri lavori si sono occupati di antropologia grammaticale e di Grammatica Umanistica.

Maurizia Matteuzzi è ricercatore confermato (L-FIL-LET/02) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova (Dip. DARFICLET, Sez. ellenica). Ha tenuto presso l’Univ. di Sassari gli insegnamenti di Letteratura greca e Storia del teatro greco e latino; presso la Facoltà di Lettere dell’Univ. di Genova gli insegnamenti di Didattica del greco e di Didattica della Letteratura e della Cultura greca. Ha sviluppato la sua attività scientifica principalmente in due direzioni: la prosa tarda (soprattutto Luciano di Samosata); il teatro antico in tutti i suoi aspetti (compresa la fortuna nelle letterature moderne). Le ricerche su Luciano hanno prodotto congetture testuali, analisi lessicali e semantiche, considerazioni interpretative di ordine generale (in primis sulla Storia Vera, pressoché tutte citate nell’ediz. critica delle “Belles Lettres”), traduzioni con introd. e note di vari opuscoli (Garzanti), un commento di Alessandro o il falso profeta (Ecig). I lavori sul teatro hanno contemplato: note di commento a Sofocle (Aiace; Trachinie: Mondadori), a Euripide (Medea, Ippolito, Baccanti, Ifigenia in Tauride: Garzanti); la sezione sul teatro greco (con succinto relativo Fortleben) in un ampio vol. collettivo sul teatro occidentale a cura di C. Molinari (Mondadori); studi linguistici ed ermeneutici su Eschilo, Aristofane, Euripide; interventi critici su riscritture moderne (ad es. Ritsos e Sarah Kane), traduzioni e messe in scena ispirate al classico, curati per la rivista “Dioniso” e in altre sedi; recensioni a voll. sul teatro antico. Di taglio didattico sono poi due voll. scolastici redatti con U. Albini (Le Monnier).