Letteratura greca

SSD: L-FIL-LET/02
DOCENTE: Franco MONTANARI

L-FIL-LET/02 – Letteratura Greca

Docente: Franco MONTANARI

I semestre

Crediti in totale: 9

Modulo I (crediti 6)

Il rapporto uomo-divinità nella tragedia greca.

L’argomento delle lezioni consisterà in una panoramica sulle diverse modalità e connotazioni che assume il rapporto fra l’uomo e la divinità nella tragedia greca (Eschilo, Sofocle, Euripide). Durante le lezioni saranno letti e commentati alcuni passi delle tragedie conservate, indicati e forniti a lezione dal docente.

Bibliografia

Sofocle, Edipo Re, a cura di M. ASCHEI, Firenze 2001.

Euripide, Baccanti, a cura di G. BOTTONELLI, L. GALASSO, F. MONTANA, L. SOVERINI, Firenze 2001.

Lisia, Per l’invalido, a cura di L. ARATA, Firenze 2001.

Manuale: F. MONTANARI, Storia della Letteratura Greca, Roma-Bari, rist. 2006.

Lettura: G. MASTROMARCO, P. TOTARO, Storia del teatro greco, Firenze 2008.

Modulo II (crediti 3)

Fondamenti di filologia, prosodia e metrica.

a) Terminologia e nozioni basilari di filologia classica; lettura di un apparato critico.

b) Terminologia e nozioni basilari di prosodia e metrica; l’esametro dattilico e il trimetro giambico.

Bibliografia

Testo di riferimento: L.D. REYNOLDS, N.G. WILSON, Copisti e filologi, Padova 1987 (3a edizione).

Testo di riferimento: M.C. MARTINELLI, Gli strumenti del poeta. Elementi di metrica greca, Bologna 1995.

Altre notizie

Per l'esame si richiede una conoscenza del Greco sufficiente a tradurre i testi originali, che verrà accertata per mezzo di una PROVA SCRITTA.

A lezione saranno date indicazioni sui testi d'esame per entrambi i moduli e sullo studio selettivo del manuale.

(Storia della letteratura con prova scritta / Fondamenti di filologia prosodia e metrica)
L’insegnamento di “Storia della Letteratura Greca” per il Corso di Laurea Triennale ha lo scopo di far conoscere agli studenti i lineamenti essenziali, le figure e i generi più rilevanti della civiltà letteraria della Grecia antica, nella sua evoluzione storica dalle origini al VI sec. d.C. Parte integrante del programma è una scelta di testi importanti e significativi, che devono essere conosciuti in lingua originale.
I “Fondamenti di filologia prosodia e metrica” si propongono di fornire agli studenti le nozione basilari della filologia greca nei suoi aspetti più rilevanti.
In primo luogo gli studenti dovranno acquisire una conoscenza adeguata della terminologia critico-testuale, che consenta loro la decifrazione e l’interpretazione di un apparato critico. Questo obiettivo sarà perseguito tramite la lettura in edizioni critiche di testi greci di età sia classica sia post-classica; è altresì prevista anche la lettura di una Praefatio in lingua latina.
 Secondariamente saranno forniti i dati storici essenziali e i princìpi di base della critica del testo: una sintetica panoramica dall’età alessandrina al metodo stemmatico (il cosiddetto metodo del Lachmann), sui princìpi-base e sugli sviluppi teorici del quale si incentrerà in particolare l’attenzione.
Infine verranno esaminate le principali tipologie di errore presenti nei manoscritti medievali tramite la lettura di passi esemplari per ciascuna tipologia.
Su ogni sezione del corso sarà segnalata una bibliografia essenziale, con particolare riguardo agli strumenti di base più recenti e alle edizioni critiche di maggior pregio.

Franco Montanari ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa e si è laureato in Letteratura Greca nel 1973 all'Università di Pisa. Presso l'Università di Pisa è stato Professore incaricato di Filologia Bizantina (dal 1/11/1977) e poi Professore Associato di Grammatica Greca. Dall'a.a. 1986/87 è Professore Ordinario di Lingua e Letteratura Greca presso l'Università di Genova. Fa parte del Bureau della Fédération Internationale des Etudes Classiques (FIEC), è Direttore del Centro Italiano dell'Année Philologique (CIAPh), membro degli organi direttivi della Fondation Hardt, del Consiglio scientifico dell'Istituto «G. Vitelli» di Firenze, del Comitato Scientifico del "Corpus dei Papiri Filosofici greci e latini". Con altri studiosi è responsabile del progetto internazionale e della serie editoriale "Commentaria et Lexica Graeca in Papyris reperta" (CLGP). Dirige il progetto "Aristarchus", un portale on line (www.aristarchus.unige.it) che contiene diversi strumenti di lavoro in formato elettronico per lo studio dell'antichità classica. Dirige la collana "Pleiadi" (Edizioni di Storia e Letteratura - Roma) e la rivista "Trends in Classics" con la relativa serie "Trends in Classics - Supplementary Volumes" (W. de Gryuter, Berlin - New York); inoltre fa parte del comitato scientifico di alcune riviste scientifiche. È autore del "GI - Vocabolario della lingua greca" (Torino 1995; 20042) e della "Storia della letteratura greca" (Roma-Bari 1998; 2000; traduzione in Greco moderno: Salonicco 2008). Ha pubblicato oltre 170 lavori in prestigiose sedi scientifiche italiane e straniere. Linee di ricerca: Omero e l'epica greca arcaica; esegesi omerica antica; storia della filologia e dell'erudizione nella Grecia antica; papirologia letteraria; lessicografia greca antica e moderna.