Storia della scienza e della tecnica

SSD: M-STO/05
DOCENTE: Davide ARECCO

M-STO/05 – STORIA DELLA SCIENZA E DELLa TECNICA

Docente: Davide ARECCO

II semestre

Crediti in totale: 9

Modulo I (crediti 6)

Momenti e rappresentazioni del sapere tecnico e scientifico da Pitagora alla rivoluzione industriale del XIX secolo. Spazi inglesi ed europei della nuova scienza tra XVII e XVIII secolo.

Bibliografia

Lettura, obbligatoria per tutti, di entrambi i seguenti libri:

A. CLERICUZIO, La macchina del mondo. Teorie e pratiche scientifiche dal Rinascimento a Newton, Carocci, Roma, 2005.

D. ARECCO, I fatti e le idee. Scienza, religione e società nell’Inghilterra moderna, Nova Scripta, Genova, 2007.

Modulo II (crediti 3)

Dall’ermetismo alla filosofia sperimentale del Seicento. Il ruolo giocato dalla stampa. L’immagine enciclopedica settecentesca della tradizione baconiana e gli usi della rivoluzione scientifica.

Bibliografia

Lettura, obbligatoria per tutti, di entrambi i seguenti libri:

P. BURKE, Storia sociale della conoscenza. Da Gutenberg a Diderot, Il Mulino, Bologna, 2002.

P. ROSSI, Francesco Bacone. Dalla magia alla scienza, Il Mulino, Bologna, 2004.

Altre notizie

Ulteriore materiale per preparare l’esame (in fotocopia) sarà eventualmente fornito, nel corso delle lezioni, dal docente. Chi non frequenta è dispensato dal prendere contatti con il docente e all’esame deve portare, solo ed esclusivamente, tutti e quattro i testi sopra indicati. Agli studenti di Lingue e Letterature Straniere, specie a quelli anglofoni, è consentito, qualora lo vogliano, di sostituire i testi indicati nella bibliografia riferita ai due moduli con i quattro seguenti:

J. HENRY, The Scientific Revolution and the Origins of Modern Science, MacMillan, London, 2002.

E.A. BURTT, Metaphysical Foundations of Modern Science, MacMillan, London, 2003.

S. SHAPIN, A Social History of Truth. Civility and Science in Seventeenth Century England, University of Chicago Press, Chicago – London, 1995.

D. GENTILCORE, Medical charlatanism in early modern Italy, Oxford University Press, Oxford, 2006.

Il corso ha come scopo primario l’acquisizione di solide conoscenze di base della storia del sapere tecnico-scientifico tra XV e XIX secolo, dei contesti istituzionali e sociali delle scoperte e delle invenzioni, della costruzione e comunicazione della scienza. 

Davide Arecco. Si è laureato in Filosofia presso l’Università di Genova, collaborando in seguito con la cattedra di Storia del pensiero (per la parte didattica) e con l’ISEM (per un periodo di ricerca) dello stesso Ateneo. E’ Dottore di ricerca in Storia della scienza (titolo conseguito presso l’Università di Bari) ed è stato anche borsista presso la Fondazione ‘Filippo Burzio’ di Torino. È attualmente ricercatore presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Genova e docente di Storia della scienza e della tecnica (M-STO/05): E’redattore di Cromohs ed Eliohs e membro del Comitato scientifico di Anthropos & Iatria. E’ autore di oltre cinquanta pubblicazioni, tra volumi, curatele, articoli, rassegne e recensioni. Principali linee di ricerca: la scienza inglese nell’età moderna, la vita accademica europea tra XVII e XVIII secolo, le tradizioni tecnico-scientifiche del Settecento italiano e francese, con particolare attenzione per la cultura di pratici e inventori.