Letteratura latina medievale e umanistica

SSD: L-FIL-LET/08
DOCENTE: Stefano PITTALUGA, Lucia DI SALVO

L-FIL-LET/08 – Letteratura Latina Medievale e Umanistica

Docenti: Stefano PITTALUGA, Lucia DI SALVO

I semestre

Crediti in totale: 12

Modulo I (crediti 6)

Docente: Stefano Pittaluga

Storia della Letteratura Latina Medievale (V-XIII secolo): autori e generi letterari.

Storia della Letteratura Umanistica (XIV-XV secolo): autori e generi letterari.

Bibliografia

C. LEONARDI, Letteratura latina medievale, Firenze, 2002

oppure

E. D'ANGELO, Storia della letteratura mediolatina, Montella (AV), 2004.

S. PITTALUGA, La letteratura umanistica (rivolgersi al docente)

Modulo II (crediti 3)

Docente: Stefano Pittaluga

I Carmina Burana: canti satirici, d'amore, di taverna.

Bibliografia

P. ROSSI, Carmina Burana, Milano, 1989.

Altra bibliografia verrà fornita nel corso delle lezioni.

Modulo III (crediti 3)

Docente: Lucia Di Salvo

Lettura di testi latini di età romano-barbarica su aspetti della vita quotidiana.

Bibliografia

L. DI SALVO, Felicis munera mali. Scene e aspetti di vita quotidiana nella poesia di età romanobarbarica, Roma 2005;

C. AZZARA, Le invasioni barbariche, Bologna 2003

Altre notizie

Seminari a integrazione del Modulo I saranno tenuti dalla dott.ssa C.Fossati

Apprendere i principali strumenti di studio relativi alla letteratura e alla filologia mediolatina e dei principali autori e generi letterari dal V al XIII secolo. Esaminare la tradizione dei testi mediolatini alla luce dei problemi dell'ecdotica. Analisi e commento di testi esemplari.

Stefano Pittaluga è professore ordinario di Letteratura Latina Medievale presso l’Università di Genova; dal 1.11.2004 è direttore del Dipartimento di Archeologia, Filologia classica e loro tradizioni (DARFICLET Francesco Della Corte) dell’Università di Genova. Dal 1975 ha svolto attività scientifica, pubblicando saggi ed edizioni critiche nell’ambito del teatro latino medievale e umanistico; ha studiato e pubblicato ricerche ed edizioni relative alla favolistica, alla narrativa, alla letteratura di viaggio e a numerosi autori di età medievale e umanistica. Dal 2002 è direttore scientifico della rivista “Itineraria”, da lui fondata; fa parte del Collegio di direzione della rivista “Humanistica”. E’ docente presso il Dottorato di ricerca in Filologia mediolatina con sede all’Università di Firenze e del Perfezionamento in Filologia mediolatina con sede presso la SISMEL di Firenze; è responsabile della Redazione genovese del Corpus Auctorum Latinorum Medii Aevi (CALMA) e di uno dei due gruppi della Redazione genovese di “Medioevo Latino”; è membro delle Commissioni Scientifiche preposte alle Edizioni Nazionali dei Testi Mediolatini; delle Traduzioni umanistiche dal greco; della Storiografia umanistica; delle opere di Biondo Flavio. Fa parte del Comitato scientifico della Società Internazionale per lo Studio del Medio Evo Latino (SISMEL); è presidente della sezione di Genova e membro del Comitato scientifico nazionale dell’Associazione di Studi Tardoantichi.

Lucia Di Salvo si è laureata in Lettere (indirizzo classico) presso l’Università di Genova, conseguendo in séguito il Perfezionamento in Filologia Classica. Attualmente è ricercatore confermato nel Dipartimento di Archeologia e Filologia classica e loro Tradizioni dell’Università di Genova e insegna “Cultura dell'età romano-barbarica” e “Letteratura latina dell’età tardoantica”. In precedenza ha insegnato “Civiltà greca” e “Filologia latina”. È autrice di 5 volumi riguardanti testi latini di età repubblicana, imperiale e tardo antica, di cui 2 edizioni critiche, con traduzione e commento (giudicati con favore in Italia e all’estero), di 20 articoli su questioni storico-letterarie, testuali ed esegetiche e di numerose recensioni su riviste specialistiche italiane ed estere. Principali linee di ricerca: la poesia teatrale arcaica (Nevio e Accio), la satira (Persio e Giovenale), la tradizione indiretta (Nonio Marcello e Arusiano Messio), la storiografia (Sallustio), la poesia bucolica (Calpurnio Siculo), l’erudizione di età imperiale (Gellio e Plinio il Vecchio), gli Opuscula  ausoniani, la poesia tardoantica.