ANTROPOLOGIA DEL METICCIATO (LM)

DOCENTE: SALVATORE BRUNO BARBA
ANNO: 2014-2015
SSD: M-DEA/01
CFU: 9

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: SCIENZE STORICHE, ARCHIVISTICHE E LIBRARIE (2014-2015)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Durante il corso verranno approfondite le tematiche legate all'incontro tra le culture e all'ibridazione culturale, con particolare riferimento all'America del Sud. Si esamineranno le posizioni universalistiche e relativistiche, proponendo alcuni spunti di riflessione legati a dinamiche transculturali, quali la diffusione delle religioni afro-americane. L'idea di fondo è che il meticciato culturale si proponga come un'ideale mediazione tra la omogeneizzazione totalizzante e la frammentazione eterogenea e multiculturale.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

-Bruno Barba Dio negro. Sesso, senso natura tra Africa e Brasile. Seid, Firenze, 2013
-Anna Casella Paltrinieri (a cura di), Incroci transatlantici: il Brasile negli studi dell’antropologia italiana. Novalogos, Aprilia (LT) 2012
-Luisa Faldini, Eliana Pili (a cura di), Claude Lévi Strauss, letture e commenti. Cisu, Roma, 2012

Un testo a scelta tra:
François Laplantine, Identità e meticciato, Eleuthera, Milano, 2011
Francesco Pompeo Autentici meticci, Meltemi, Roma 2009
Bruno Barba, Brasil meticcio, il segnalibro, Torino, 2004
Bruno Barba (a cura di), Tutto è relativo. La prospettiva in Antropologia. Seid, Firenze, 2008
Bruno Barba, No pais do futebol, (effequ, 2014)
Jean Loup Amselle, Logiche meticce, Bollati Boringhieri, Torino, 1999
Jean Loup Amselle, Contro il primitivismo, Bollati Boringhieri, Torino, 2012
Massimo Canevacci, Sincretismi, Costa & Nolan, Milano, 2004
Roberto Fernandez Retamar, Calibano, saggi sull'identità culturale dell'America Latina, Speling & Kupfer, Milano, 2002
Néstor Garcia Canclini, Culture ibride, Guerini, Milano, 1998
Guido Barbujani, L'invenzione delle razze, Bompiani, Milano 2007
Franco La Cecla, Il Malinteso. Antropologia dell'incontro, Laterza, Roma-Bari, 2009

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Durante il corso verranno approfondite le tematiche legate all'incontro tra le culture e all'ibridazione culturale, con particolare riferimento all'America del Sud. Si esamineranno le posizioni universalistiche e relativistiche, proponendo alcuni spunti di riflessione legati a dinamiche transculturali, quali la diffusione delle religioni afro-americane. L'idea di fondo è che il meticciato culturale si proponga come un'ideale mediazione tra la omogeneizzazione totalizzante e la frammentazione eterogenea e multiculturale.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

-Bruno Barba Dio negro. Sesso, senso natura tra Africa e Brasile. Seid, Firenze, 2013
-Anna Casella Paltrinieri (a cura di), Incroci transatlantici: il Brasile negli studi dell’antropologia italiana. Novalogos, Aprilia (LT) 2012
-Luisa Faldini, Eliana Pili (a cura di), Claude Lévi Strauss, letture e commenti. Cisu, Roma, 2012


Due testi a scelta tra:
François Laplantine, Identità e meticciato, Eleuthera, Milano, 2011
Francesco Pompeo Autentici meticci, Meltemi, Roma 2009
Bruno Barba, Brasil meticcio, il segnalibro, Torino, 2004
Bruno Barba (a cura di), Tutto è relativo. La prospettiva in Antropologia. Seid, Firenze, 2008
Bruno Barba, No pais do futebol, (effequ, 2014)
Jean Loup Amselle, Logiche meticce, Bollati Boringhieri, Torino, 1999
Jean Loup Amselle, Contro il primitivismo, Bollati Boringhieri, Torino, 2012
Massimo Canevacci, Sincretismi, Costa & Nolan, Milano, 2004
Roberto Fernandez Retamar, Calibano, saggi sull'identità culturale dell'America Latina, Speling & Kupfer, Milano, 2002
Néstor Garcia Canclini, Culture ibride, Guerini, Milano, 1998
Guido Barbujani, L'invenzione delle razze, Bompiani, Milano 2007
Franco La Cecla, Il Malinteso. Antropologia dell'incontro, Laterza, Roma-Bari, 2009

Metodi di Accertamento

L'esame prevede esercitazioni in aula durante il corso
L'esame, in forma orale, sarà così organizzato: una discussione su un argomento proposto dallo studente, e una serie di domande volte a verificare la preparazione dello studente sui  testi studiati

Obbiettivi Formativi

Il primo obiettivo del corso è l'approfondimento delle tematiche legate all'incontro tra le culture e all'ibridazione culturale, con particolare riferimento all'America del Sud. L'esame delle posizioni universalistiche e relativistiche propone spunti di riflessione legati a dinamiche transculturali, quali la diffusione delle religioni afro-americane. Altro obiettivo del corso è la valutazione del meticciato culturale come proposta per un ideale mediazione tra l'omogeneizzazione totalizzante e la frammentazione eterogenea e multiculturale

Curriculum Docente

 

-Dal dicembre 2005 Ricercatore di Antropologia presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Genova (DISMEC, Sezione Etnologia).

 

Aree di ricerca:

 

-Il meticciato culturale e il sincretismo religioso: in particolare l’analisi delle dinamiche di incontro e sintesi tra popoli, culture e religioni avvenute in Brasile, lo studio della religione afrobrasiliana del candomblé e dei suoi rituali, simbologie, adattamenti

 

-Il Brasile e la sua cultura poliedrica: città, musica, letteratura, gastronomia sono prodotti che trasmettono  la vitalità dell’arte dell’incontro. Lo studio di queste dinamiche potrebbe portare alla proposta di “modello” più  esteso e che possa portare a una pacifica convivenza interculturale.

 

-Il calcio, e lo sport in generale, come strumento di lettura della società complessa in cui viviamo. L’analisi e lo sguardo antropologici del calcio come “fatto sociale totale” possono  portare all’interpretazione di tante simbologie e rituali che ci appartengono.

 

-Il relativismo culturale come corrente antropologica, come atteggiamento, come “postura” metodologica atta a esaminare il mondo attraverso un’ottica diversa e una prospettiva sempre consapevole della diversità che contraddistingue le visioni del mondo dei vari popoli.

 

- Il turismo in Africa come strumento di sviluppo locale sostenibile

Obiettivo della ricerca, concretizzatasi con la partecipazione al progetto Prin,  è quello di giungere a elaborare, in unione con le istituzioni e le comunità locali di alcuni paesi africani, modelli di turismo sostenibile idonei nel contesto locale ed immediatamente usufruibili nell’ambito di progetto ad alto, medio e basso investimento. In particolare, in collaborazione dei colleghi dell’unità genovese, mi sono dedicato alle problematiche legate allo sviluppo delle comunità della città di Abomey e dei villaggi Taneka dell’altopiano dell’Atakora in Benin (Africa Occidentale).