Drammaturgia dell’attore (LM)

DOCENTE: LAURA PALMIRA CURINO
ANNO: 2014-2015
SSD: L-ART/05
CFU: 6

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (2014-2015)

Programma

Il corso pratico, in forma seminariale (sei ore al giorno) avrà per tema

“Come posso aggiustare il mondo”

e riguarderà la traducibilità in teatro di ideali, aspirazioni, insoddisfazioni e il loro potenziale effetto pratico di trasformazione della realtà.

ORARIO
18.11.14: dalle ore 11,00 alle 17,00
19 e 20.11.14: dalle ore 10,00 alle 16,00
24 e 25.11.14: dalle ore 10,00 alle 16,00
per il giorno finale (26.11.14): da definire con gli studenti (ipotesi 9-15)

presso Altrove Teatro della Maddalena
(ex Teatro H.O.P. Altrove, Palazzo Fattinanti-Cambiaso, in Piazza dei Sette Dolori del Sestiere della Maddalena, non lontano dall’Università)

Obbiettivi Formativi

Il teatro del novecento dimostra come sempre più spesso le competenze di attore, autore e “regista” di uno spettacolo teatrale si sommino nella stessa persona, in quanto creatore tout court non solo del testo, ma del progetto e insieme attivatore del suo processo di realizzazione. Il corso si propone, di anno in anno, di incontrare in questo senso l’esperienza esemplare e concreta dei più rappresentativi maestri del teatro italiano contemporaneo.


Curriculum Docente

Laura Curino attrice teatrale, regista e drammaturga torinese, con Gabriele Vacis è fra i fondatori del Laboratorio Teatro Settimo. Fra i protagonisti di quella che viene considerata la prima generazione degli attori narratori (con Paolini, Baliani, in seguito Celestini), si distingue in particolare per la sua versatilità come attrice (in Passione, suo primo spettacolo di narrazione, si presenta interpretando tutti i personaggi della vicenda) e per la sua sensibilità per i temi del lavoro e della condizione femminile. Celebri sono le sue creazioni sull’epopea degli Olivetti, approdate anche in televisione,
Per la sua attività ha ottenuto numerosi premi: “Città Urbino”, “Fringe Festival” di Edimburgo (per Stabat Mater, 1989); “Ubu 1992” (per la drammaturgia de La storia di Romeo e Giulietta, 1990), “Milano 90, il contemporaneo”, come miglior attrice e autrice giovane (1993); “Premio dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro” (ANCT) come migliore attrice (1998); “Hystrio” alla drammaturgia (2003).
Al cinema, ha partecipato a Nostos di Franco Piavoli, La seconda volta e Preferisco il rumore del mare di Mimmo Calopresti, San Salvario di Enrico Verra, Cuore di Maurizio Zaccaro.
Ha al suo attivo un’intensa attività pedagogica, fra l’altro presso le Università di Bologna, Genova, Padova, Siena, le Accademie di Belle Arti di Napoli e L’Aquila, l’Università Cattolica di Milano e di Brescia, l’Istituto Orientale di Napoli, la Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, la “Scuola Holden” di Torino.