Organizzazione ed economia dello spettacolo dal vivo (LM)

DOCENTE: LIVIA CAVAGLIERI
ANNO: 2014-2015
SSD: L-ART/05
CFU: 9

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (2014-2015)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Lineamenti di Organizzazione ed economia dello spettacolo
Saranno forniti gli strumenti di base per orientarsi di fronte agli aspetti istituzionali, al contesto economico, alle politiche culturali e alle prassi gestionali e organizzative (in particolare project management) che interessano lo spettacolo dal vivo in Italia, con particolare riferimento al teatro drammatico e rapidi cenni comparativi al teatro musicale. L’obiettivo è di rendere gli studenti consapevoli del dinamico equilibrio che caratterizza le aziende teatrali oggi, in bilico tra la volontà di rimanere fedeli a una ricca tradizione di consuetudini, saperi e professionalità consolidate e la necessità di ridefinire la propria operatività, per essere all’altezza dei processi di cambiamento istituzionale e gestionale in atto e delle impegnative sfide aperte sul fronte della competizione nel reperimento dei finanziamenti, pubblici e privati.

Sono previste attività didattiche integrative (ospiti a lezione, seminari, laboratori) che verranno comunicate via aulaweb.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

STUDENTI FREQUENTANTI 6 CFU
1) L. ARGANO, La gestione dei progetti di spettacolo. Elementi di project management culturale, Milano, FrancoAngeli, 2011 (7a ed. aggiornata; le ed. precedenti non vanno bene).
2) Alessandro Bollo, Il marketing della cultura, Carocci, 2012

3) Gli appunti completi delle lezioni e i materiali didattici, distribuiti a lezione e pubblicati su Aulaweb.

STUDENTI NON FREQUENTANTI 6 CFU
1) L. ARGANO, La gestione dei progetti di spettacolo. Elementi di project management culturale, Milano, FrancoAngeli, 2011 (7a ed. aggiornata; le ed. precedenti non vanno bene).
2) Alessandro Bollo, Il marketing della cultura, Carocci, 2012

3) I materiali didattici pubblicati su Aulaweb.
4) Un volume a scelta tra:
-Walter Santagata, La fabbrica della cultura. Ritrovare la creatività per aiutare lo sviluppo del paese, Il Mulino, 2007
-Martha Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, 2011, Il Mulino
-AA. VV., L’arte dello spettatore. Il pubblico della cultura tra bisogni, consumi e tendenze, a cura di Francesco De Biase, Milano, Franco Angeli, 2008
-F. Donato, Il management dei teatri lirici, Milano, FAngeli, 2004
-E. Cori, Aspetti istituzionali e dinamiche organizzative nel teatro d’opera in Italia, Milano, FAngeli, 2004
-D. Haselbach, A. Klein, P. Knuesel, S. Opitz, Kulturinfarkt, Marsilio, Venezia, 2012
 

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Lineamenti di Organizzazione ed economia dello spettacolo

Saranno forniti gli strumenti di base per orientarsi di fronte agli aspetti istituzionali, al contesto economico, alle politiche culturali e alle prassi gestionali e organizzative (in particolare project management) che interessano lo spettacolo dal vivo in Italia, con particolare riferimento al teatro drammatico e rapidi cenni comparativi al teatro musicale. L’obiettivo è di rendere gli studenti consapevoli del dinamico equilibrio che caratterizza le aziende teatrali oggi, in bilico tra la volontà di rimanere fedeli a una ricca tradizione di consuetudini, saperi e professionalità consolidate e la necessità di ridefinire la propria operatività, per essere all’altezza dei processi di cambiamento istituzionale e gestionale in atto e delle impegnative sfide aperte sul fronte della competizione nel reperimento dei finanziamenti, pubblici e privati.

Le industrie culturali

La seconda parte sarà a carattere seminariale e riguarderà il problema teorico e storico della nascita delle industrie culturali in Italia.

Sono previste attività didattiche integrative (ospiti a lezione, seminari, laboratori) che verranno comunicate via aulaweb.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

STUDENTI FREQUENTANTI 9 CFU
1) L. ARGANO, La gestione dei progetti di spettacolo. Elementi di project management culturale, Milano, FrancoAngeli, 2011 (7a ed. aggiornata; le ed. precedenti non vanno bene).
2) Alessandro Bollo, Il marketing della cultura, Carocci, 2012

3) Gli appunti completi delle lezioni e i materiali didattici, distribuiti a lezione e pubblicati su Aulaweb.

4) Un volume a scelta all'interno della bibliografia sulle industrie culturali, che sarà pubblicata su Aulaweb nel corso delle lezioni.

STUDENTI NON FREQUENTANTI 9 CFU
1) L. ARGANO, La gestione dei progetti di spettacolo. Elementi di project management culturale, Milano, FrancoAngeli, 2011 (7a ed. aggiornata; le ed. precedenti non vanno bene).
2) Alessandro Bollo, Il marketing della cultura, Carocci, 2012

3) I materiali didattici pubblicati su Aulaweb.
4) Un volume a scelta tra:
-Walter Santagata, La fabbrica della cultura. Ritrovare la creatività per aiutare lo sviluppo del paese, Il Mulino, 2007
-Martha Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, 2011, Il Mulino
-AA. VV., L’arte dello spettatore. Il pubblico della cultura tra bisogni, consumi e tendenze, a cura di Francesco De Biase, Milano, Franco Angeli, 2008
-F. Donato, Il management dei teatri lirici, Milano, FAngeli, 2004
-E. Cori, Aspetti istituzionali e dinamiche organizzative nel teatro d’opera in Italia, Milano, FAngeli, 2004
-D. Haselbach, A. Klein, P. Knuesel, S. Opitz, Kulturinfarkt, Marsilio, Venezia, 2012
5) Un volume a scelta all'interno della bibliografia sulle industrie culturali, che sarà pubblicata su Aulaweb nel corso delle lezioni.

Metodi di Accertamento

Il programma da 6 CFU prevede:

- una domanda sul volume di Argano;

-una sul volme di Bollo

- una sugli argomenti trattati a lezione o sul volume a scelta.

Il programma da 9 CFU prevede:

-una domanda sul volume di Argano;

- una domanda sul volume di Bollo;

- due domande sugli argomenti trattati a lezione o sui volumi a scelta.


Per gli studenti frequentanti l’insegnamento prevede una verifica intermedia scritta sui volumi di Argano e Bollo, cui seguirà l’esame orale. Per gli studenti non frequentanti l’esame è solo orale.

Obbiettivi Formativi

L’obiettivo dell’insegnamento è di fornire agli studenti gli strumenti di base per orientarsi di fronte agli aspetti istituzionali, al contesto economico, alle politiche culturali e alle prassi organizzative che hanno interessato e interessano lo spettacolo dal vivo in Italia a partire dal XIX secolo, con particolare riferimento al teatro drammatico e rapidi cenni comparativi al teatro musicale.


Curriculum Docente

Livia Cavaglieri si è laureata nel 1998 in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Milano discutendo una tesi dedicata al Berliner Ensemble, dopo un periodo di studio e ricerca a Berlino (Freie Universität, Humboldt Universität e Stiftung Archiv Akademie der Künste, Theaterdokumentation). Nel 2002 ha conseguito il Dottorato di ricerca in Teoria e storia della rappresentazione drammatica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2006 è ricercatrice in Discipline dello Spettacolo presso il DIRAAS dell’Università degli Studi di Genova.

ATTIVITÀ DIDATTICA

Scuola di Scienze Umanistiche, Università degli Studi di Genova
- 2014-presente
Affidataria dell’insegnamento di Organizzazione ed economia dello spettacolo dal vivo (Corso di Laurea magistrale in Letterature moderne e Spettacolo)
- 2012-presente
Affidataria dell’insegnamento di Storia del teatro e dello spettacolo (Corso di Laurea triennale in Lettere)
- 2006-presente
Affidataria dell’insegnamento di Organizzazione ed economia dello spettacolo (Corso di Laurea triennale in DAMS – Polo di Imperia)

Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Genova
- 2008-2012
Affidataria dell’insegnamento di Storia del teatro e dello spettacolo (Corso di Laurea magistrale in Letterature e Civiltà Moderne)
- 2006-2012
Affidataria dell’insegnamento di Organizzazione ed economia dello spettacolo (Corso di Laurea triennale in DAMS – Polo di Imperia)

Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi, Milano
- 2003-2005
Docente di Storia del teatro e dello spettacolo presso il Master di primo livello in Management per lo Spettacolo


Accademia d’Arti e Mestieri dello Spettacolo del Teatro alla Scala, Milano
- 2003-2005
Docente di Storia del teatro e dello spettacolo

 

RICERCA

I suoi ambiti prevalenti di ricerca sono:

a. Storia dell’organizzazione e dell’economia teatrale (secoli XIX-XXI): impresariato, agenzie teatrali drammatiche e musicali, previdenza sociale, mercato e monopoli, diritto d’autore, sistema teatrale italiano dal secondo dopoguerra a oggi
b. La società teatrale: attori e compagnie, attori e Risorgimento (secoli XVIII – XIX)
c. Regia e pratiche di allestimento a partire dal secondo dopoguerra
d. Fonti orali per lo studio della storia dello spettacolo