FILOLOGIA ROMANZA (LM)

DOCENTE: MAURA SONIA BARILLARI
ANNO: 2014-2015
SSD: L-FIL-LET/09
CFU: 9

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (2014-2015)
MUTUAZIONI:
STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO (2014-2015) 9 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il corso avrà come oggetto «Protostoria della strega: le fonti medievali» e sarà dedicato ad approfondire la figura della ‘strega’ in epoca medievale, prima che essa subisse la pressione omologatrice esercitata dall’Inquisizione a partire dal XIV secolo.
Tale approfondimento sarà condotto attraverso la lettura commentata di testi normativi e letterari latini, antico-francesi, italiani, sollecitando una riflessione intesa a giungere alla nostra contemporaneità.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

È vivamente consigliata la frequenza. In caso di effettiva impossibilità è possibile concordare personalmente con il docente, durante il ricevimento settimanale, un testo aggiuntivo da preparare per sostenere l’esame.
TESTI LETTERARI:
- Edictus langobardorum, 197, 376
- Burcardo di Worms, Decretorum libri XX, Liber XIX: De poenitentia, V
- Guglielmo di Malmesbury, Gesta regum anglorum, II, 171 e 224
- Walter Map, De nugis curialium II, 14
- Gervasio di Tilbury, Otia imperialia III, 86
- Étienne de Bourbon, Tractatus de diversis materiis praedicabilibus, exempla nn° 97, 363, 364, 365, 368, 369
- Rudolf von Schlettstadt, Historiae memorabiles, n° 46
- Adam de la Halle, Le jeu de la feuillée, vv. 559-703
- Jean de Meun, Le roman de la rose, vv. 18419-18514
- Li fabliau de Cocaingne
- Giovanni Boccaccio, Decameron VIII, 9
W. Stubbs, Millwood, Krauss reprint, 1964 [ed. or.: London, Rolls series 90, 1887], II, 167-169 e 172.
Tutti i testi sono presernti, con traduzione italiana, in S. M. Barillari, Protostoria della strega. Le fonti medievali, Aicurzio (MB), Virtuosa-Mente - Gruppo Editoriale Castel Negrino, 2014.
TESTI CRITICI:
- S. M. Barillari, Protostoria della strega. Le fonti medievali, Aicurzio (MB), Virtuosa-Mente - Gruppo Editoriale Castel Negrino, 2014;
- F. Cardini, Magia, stregoneria, superstizioni nell'Occidente medievale, Firenze, La Nuova Italia, 1979.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Il corso avrà come oggetto «Protostoria della strega: le fonti medievali» e sarà dedicato ad approfondire la figura della ‘strega’ in epoca medievale, prima che essa subisse la pressione omologatrice esercitata dall’Inquisizione a partire dal XIV secolo.
Tale approfondimento sarà condotto attraverso la lettura commentata di testi normativi e letterari latini, antico-francesi, italiani, sollecitando una riflessione intesa a giungere alla nostra contemporaneità.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

È vivamente consigliata la frequenza. In caso di effettiva impossibilità è possibile concordare personalmente con il docente, durante il ricevimento settimanale, un testo aggiuntivo da preparare per sostenere l’esame.
TESTI LETTERARI:
- Edictus langobardorum, 197, 376
- Burcardo di Worms, Decretorum libri XX, Liber XIX: De poenitentia, V
- Guglielmo di Malmesbury, Gesta regum anglorum, II, 171 e 224
- Walter Map, De nugis curialium II, 14
- Gervasio di Tilbury, Otia imperialia III, 86
- Étienne de Bourbon, Tractatus de diversis materiis praedicabilibus, exempla nn° 97, 363, 364, 365, 368, 369
- Rudolf von Schlettstadt, Historiae memorabiles, n° 46
- Adam de la Halle, Le jeu de la feuillée, vv. 559-703
- Jean de Meun, Le roman de la rose, vv. 18419-18514
- Li fabliau de Cocaingne
- Giovanni Boccaccio, Decameron VIII, 9
W. Stubbs, Millwood, Krauss reprint, 1964 [ed. or.: London, Rolls series 90, 1887], II, 167-169 e 172.
Tutti i testi sono presernti, con traduzione italiana, in S. M. Barillari, Protostoria della strega. Le fonti medievali, Aicurzio (MB), Virtuosa-Mente - Gruppo Editoriale Castel Negrino, 2014;
TESTI CRITICI:
- S. M. Barillari, Protostoria della strega. Le fonti medievali, Aicurzio (MB), Virtuosa-Mente - Gruppo Editoriale Castel Negrino, 2014;
- F. Cardini, Magia, stregoneria, superstizioni nell'Occidente medievale, Firenze, La Nuova Italia, 1979
- P. Portone, La strega e il crocifisso. Radici cristiane o cristianizzate?, Aicurzio (MB), Gruppo Editoriale Castel Negrino, 2008.

Metodi di Accertamento

L'esame consisterà in una verifica orale sui contenuti del corso e sulla bibliografia critica di approfondimento attraverso quesiti formulati dalla Commissione. Al candidato si chiederà di leggere, tradurre e commentare uno o più testi analizzati a lezione nonché di discutere criticamente gli argomenti trattati nel corso degli incontri seminariali. Nella valutazione dell'esame si terrà conto, oltre che della conoscenza del programma da svolgere, anche della capacità espositiva e dell'accuratezza nell’uso del linguaggio specifico della disciplina.
Gli studenti non frequentanti potranno sostenere l’esame solo dopo aver concordato con il docente lo studio di un testo aggiuntivo.

Obbiettivi Formativi

Approfondire la conoscenza dell'origine ed evoluzione delle lingue romanze (limitatamente all'epoca medievale), delle letterature ad esse collegate, dei testimoni che ne conservano i reperti, del modo e dei metodi per custodire, comprendere ed editare i medesimi.

Curriculum Docente

Sonia Maura Barillari è filologa romanza e dal 1991 svolge la sua attività di ricerca presso l’Università di Genova, presso cui dal 2010 ricopre il ruolo di professore associato.
Nel 1995 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca presso l’Università «La Sapienza» di Roma con una dissertazione dal titolo «Rappresentazioni e funzioni del demoniaco nell’Inferno dantesco» e in seguito, ancora presso l’Università di Genova, ha fruito per diverse annualità di borse di ricerca (1996-1998), assegni di ricerca (2000-2006), contratti a progetto (2007) finalizzati all’approfondimento dell’apporto del folclore nelle letterature neolatine. Dal 1995 al 1997 ha inoltre collaborato in qualità di lessicografa al Grande Dizionario della Lingua italiana, UTET.
Dal 2002 al 2005 ha ricoperto il ruolo di coordinatrice didattica di un corso post-laurea ai fini della formazione di «promotori dei beni culturali per la valorizzazione turistica del territorio» organizzato dal Dipartimento di Italianistica, Romanistica, Arti e Spettacolo dell’Università di Genova, nell’ambito del quale, per lo stesso periodo, ha tenuto la docenza del modulo «Metodologie e pratiche dell’indagine filologica».
Dal 1997 al 2002 ha avuto continuati contratti di docenza presso l’Università IULM di Milano (Facoltà di Lingue) per il corso di Linguistica romanza, e nell’Anno Accademico 2004-2005 ha ottenuto la supplenza della cattedra di Filologia romanza presso Università Statale di Milano (Facoltà di Lettere).
Dal 2011 fa parte del collegio docenti del Corso di dottorato «Filologia, interpretazione e storia dei testi italiani e romanzi» attivo presso il Dipartimento di Italianistica, Romanistica, Antichistica, Arti e Spettacolo dell’Università di Genova.
Si occupa in prevalenza di letteratura edificante e di teatro medievale, supportando l’interpretazione dei testi (mediolatini e romanzi) con i dati desunti dall’analisi delle tradizioni folcloriche a essi coeve. Altri suoi campi di interesse sono l’analisi codicologica, la critica dantesca, il rapporto fra testo e immagine.
Dal 1996 è membro del Comitato scientifico del «Laboratorio Etno-Antropologico di Rocca Grimalda» (Al), dal 2006 è membro del comitato scientifico dell’«Istituto per i Beni marionettistici e il Teatro popolare», dal 2011 collabora con l’«Instytut Studiów Klasycznych, Śródziemnomorskich i Orientalnych» (Dipartimento di Studi classici, mediterranei e orientali) dell’Università di Wroclaw (Polonia).
Dal 2009 fa parte del Comitato direttivo della rivista L’immagine riflessa, Testi, società, culture, di cui dal 1992 cura la segreteria di redazione. Fa inoltre parte del Comitato Scientifico della rivista Italica Wratislaviensia (Università di Wroclaw, Polonia) e del Comitato scientifico della rivista Orma. Rivista di studi etnologici e storico-religiosi.
Dal 2012 co-dirige (con Franco Pezzini e Andrea Scibilia) la collana «Autunnonero. Studi sul Folklore e il fantastico» ed è membro del comitato scientifico della collana «Metamorphoseon. Collana di storia della scienza e delle tecniche» diretta da Paolo Aldo Rossi.