GLOTTOLOGIA

DOCENTE: MORENO MORANI
ANNO: 2014-2015
SSD: L-LIN/01
CFU: 12

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: LETTERE (2014-2015)
MUTUAZIONI:
FILOSOFIA (2014-2015) 9 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

ll primo modulo è comune con l'insegnamento di Linguistica generale (del quale costituisce a tutti gli effetti parte integrante) e prevede il seguente programma.

Fondamenti di linguistica generale: studio sincronico e diacronico, fonetica e fonologia, morfologia, la variabilità delle lingue, classificazione delle lingue: affinità e parentela genealogica delle lingue.
Più sinteticamente: gli studenti che portano il solo primo modulo sono tenuti allo studio dei seg. capitoli del manuale Gobber-Morani: cap. 3, cap. 9-14 (con particolare approfondimento dei paragrafi del cap. 9 riguardanti le lingue indoeuropee).

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

G. Gobber-M. Morani, Linguistica generale, Milano, McGraw-Hill, 2013 (nuova edizione).
E. Coseriu, da Sincronia, diacronia e storia, Torino, Boringhieri, 1981, il primo capitolo.
Ulteriore bibliografia verrà indicata nel corso delle lezioni.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 CFU porteranno il programma previsto per i 12 CFU, fatta salva la lettura con commento glottologico dei testi. Gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 CFU sono vivamente consigliati di presentarsi al docente nei primi giorni di lezione.

Programma:
Fondamenti di linguistica generale: studio sincronico e diacronico, fonetica e fonologia, morfologia, la variabilità delle lingue, classificazione delle lingue: affinità e parentela genealogica delle lingue.
Più sinteticamente: le parti del manuale Gobber-Morani indicate per il primo modulo sono le seguenti: cap. 3, cap. 9-14 (si raccomanda vivamente anche la lettura degli altri capitoli).

Programma del secondo modulo.
La linguistica indoeuropea. Principi generali della disciplina. L'indeuropeo. Le lingue indeuropee. Comparazione e ricostruzione. Il sistema fonologico dell'indeuropeo ricostruito. Cenni di morfologia e sintassi indeuropea.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Stessa bibliografia dell'insegnamento di 12 CFU, con esclusione dei testi che costituiscono la parte pratica. Più precisamente.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

ll primo modulo è comune con l'insegnamento di Linguistica generale e prevede il seguente programma.
Fondamenti di linguistica generale: studio sincronico e diacronico, fonetica e fonologia, morfologia, la variabilità delle lingue, classificazione delle lingue: affinità e parentela genealogica delle lingue.
Più sinteticamente: le parti del manuale Gobber-Morani indicate per il primo modulo sono le seguenti: cap. 3, cap. 9-14 (si raccomanda vivamente anche la lettura degli altri capitoli).

Programma del secondo modulo.
La linguistica indoeuropea. Principi generali della disciplina. L'indeuropeo. Le lingue indeuropee. Comparazione e ricostruzione. Il sistema fonologico dell'indeuropeo ricostruito. Cenni di morfologia e sintassi indeuropea.
Parte pratica. Lettura di testi in lingue indeuropee antiche con commento glottologico.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

Per il primo modulo (v. sopra)

G. Gobber-M. Morani, Linguistica generale, Milano, McGraw-Hill, 2013 (nuova edizione).
E. Coseriu, da Sincronia, diacronia e storia, Torino, Boringhieri, 1981, il primo capitolo.

Per il secondo modulo:
Morani, Lineamenti di linguistica indeuropea, Aracne, Roma, 2008
Per ulteriore consultazione:
Tagliavini, Introduzione alla glottologia, Pàtron, Bologna, 1970
Pisani, Glottologia indeuropea, Rosenberg & Sellier, Torino, 1974

NB. I testi oggetto di commento glottologico saranno distribuiti in fotocopia durante il corso.
Ulteriore bibliografia verrà indicata nel corso delle lezioni.

Altre notizie

Gli orari indicati come Glottologia (12 CFU) valgono per il solo secondo ciclo di lezioni

Metodi di Accertamento

Per gli studenti di Glottologia (primo e secondo modulo)
Prova orale. Le conoscenze dello studente saranno verificate sia attraverso domande su problematiche di carattere generale della disciplina sia attraverso l'esame dei testi che durante il corso sono stati oggetto di commento glottologico.
Per gli studenti che portano il primo modulo come parte integrante del corso di Linguistica generale l'accertamento verrà compiuto nel quadro della prova scritta di Linguistica generale, con appositi quesiti che verteranno sulla materia.

Obbiettivi Formativi

Linguistica generale è lo studio del linguaggio, della lingua e/o delle lingue. Oggetto specifico di una teoria linguistica è definire la lingua come sistema: ogni sistema semiotico, verbale e non verbale. Al di là di una prospettiva più immanente, volta allo studio di specifici sistemi, specialmente verbali, lingue storiche ‘nostre’ e ‘altre’, antiche e moderne, i corsi di Linguistica generale investono varî settori di ricerca interdisciplinare. Introduzione alla linguistica storico-comparativa: Classificazione delle lingue: parentele e affinità linguistica (con speciale riguardo alle lingue indeuropee). Comparazione e ricostruzione: obiettivi, metodo e limiti / Profilo di grammatica comparata dell'indeuropeo: Letture e commento glottologico di testi in lingue


Curriculum Docente

Moreno Morani, nato a Milano, si è laureato in lettere (indirizzo classico) all'Università Cattolica di Milano. È stato ricercatore nella medesima università. Ha insegnato glottologia nelle Università di Trento (per contratto) e poi (come professore straordinario) nell'Università di Catania, dove ha tenuto anche il corso di Linguistica generale. Dal 1990 è professore ordinario del settore L-Lin/01 all'Università degli Studi di Genova, dove insegna Glottologia e Linguistica storica, e dove ha avuto per alcuni anni la supplenza di Lingua e letteratura sanscrita: attualmente è anche contitolare con la Prof. Claudia Caffi del corso di Linguistica generale. Ha prodotto pubblicazioni in vari ambiti della linguistica indeuropea (tra cui i manuali: Introduzione alla linguistica greca, Alessandria 1999; Introduzione alla linguistica latina, München 2000; Lineamenti di linguistica indeuropea, Roma 2007), mostrando interesse soprattutto per varie problematiche della semantica e della traduzione (diversi studi riguardano i problemi di antiche versioni orientali, in particolare armene, di testi greci) e della filologia classica (ha curato per la Collezione Teubner la nuova edizione critica del De natura hominis di Nemesio di Emesa, 1987). Diversi lavori trattano problematiche riguardanti il lessico religioso di varie lingue indeuropee. Inoltre ha prodotto numerosi testi di interesse più generale (Cultura classica e ricerca del divino, 2002, in collaborazione con Giulia Regoliosi) e traduzioni da varie lingue (in particolare dal greco le Tragedie di Eschilo, Torino 1987, e dal sanscrito la S'akuntala riconosciuta di Kâlidâsa, Milano 1982). In collaborazione con G. Regoliosi ha curato testo e apparati del volume Dionigi l'Areopagita, I nomi divini. Insieme con G. Gobber ha prodotto il manuale Linguistica generale (Milano 2012). E' nel comitato scientifico delle riviste Zetesis (Milano) e Limes (Santiago del Cile). Fa parte del Comitato Scientifico della Casa Editrice Studium (Roma). E' direttore della collana I Talenti dell'editore esd di Bologna.