BIBLIOGRAFIA

DOCENTE: ANNA GIULIA CAVAGNA
ANNO: 2014-2015
SSD: M-STO/08
CFU: 12

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: STORIA (2014-2015)
MUTUAZIONI:
CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (2014-2015) 12 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Bibliografia come espressione - pratica e teoretica - della organizzazione della informazione scientifica scritta e pubblicata, realizzata su vari supporti (cartacei o digitali in rete), che genera manifestazioni culturalmente significative (repertori, banche dati, bibliografie) nelle varie discipline. Il corso presenta le principali fonti e metodologie di ricerca bibliografiche inerenti la vita intellettuale (politica, materiale, economica) dell’Europa moderna e contemporanea; ne insegna l’uso in quanto strumenti utili alla ricerca (tesi, lavoro redazionale, intellettuale, vita quotidiana ecc...), nel tempo variabili; offre criteri basilari per valutarne affidabilità, qualità informativa, e evoluzione (in senso democratico, quantitativo, contenutistico). Si RACCOMANDA la frequenza perché son previste esercitazioni per impratichirsi con le ricerche on line.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

1. Maurizio Vivarelli, Le dimensioni della bibliografia, scrivere di libri al tempo della rete con testi di Giovanna Balbi Roma, Carocci, 2013
2. Capacità d’uso delle banche dati d’ateneo e dei repertori bibliografici cartacei e on line

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Bibliografia come espressione - pratica e teoretica - della organizzazione della informazione scientifica scritta e pubblicata, realizzata su vari supporti (cartacei o digitali in rete), che genera manifestazioni culturalmente significative (repertori, banche dati, bibliografie) nelle varie discipline. Il corso presenta le principali fonti e metodologie di ricerca bibliografiche inerenti la vita intellettuale (politica, materiale, economica) dell’Europa moderna e contemporanea; ne insegna l’uso in quanto strumenti utili alla ricerca (tesi, lavoro redazionale, intellettuale, vita quotidiana ecc...), nel tempo variabili; offre criteri basilari per valutarne affidabilità, qualità informativa, e evoluzione (in senso democratico, quantitativo, contenutistico). Si RACCOMANDA la frequenza perché son previste esercitazioni per impratichirsi con le ricerche on line.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

1. Maurizio Vivarelli, Le dimensioni della bibliografia scrivere di libri al tempo della rete con testi di Giovanna Balbi Roma, Carocci, 2013
2. A. Agnoli, Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, Bologna, Mulino, 2010
3. Capacità d’uso delle banche dati d’ateneo e dei repertori bibliografici cartacei e on line

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

Il corso approfondirà con molte esercitazioni pratiche quanto appreso nella prima parte modulo I 6 cfu e modulo da nove crediti.  Brevi cenni di storia del libro religioso o di musica. Saranno inoltre approfonditi i metodi di ricerca nel patrimonio librario italiano retrospettivo. il patrimonio degli enti religiosi. Si RACCOMANDA la frequenza perché son previste esercitazioni per impratichirsi con le ricerche on line.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

1. Maurizio Vivarelli, Le dimensioni della bibliografia: scrivere di libri al tempo della rete con testi di Giovanna Balbi Roma, Carocci, 2013
2. A. Agnoli, Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, Bologna, Mulino, 2010
3. P. Traniello, Biblioteche e società, in libera lettura nelle risorse d’ateneo Darwin books ISBN 978-88-15-14019-7 --- DOI: 10.978.8815/140197.
4. Il libro di musica. Per una storia materiale delle fonti musicali in Europa, a cura di C. Fiore, Palermo, L’Epos, 2004  OPPURE La biblioteca dei Cappuccini, manoscritti incunaboli, cinquecentine e preziose edizioni a stampa, a cura di Stefano Zagatti Francesca Nepori, Genova, Sangiorgio 2010.

Metodi di Accertamento

Esame finale orale  sui contenuti 1-5 e pratico con uso di PC (ricerche). Chi consegue SOLO 6 cfu frequenta SOLO la I parte. I NON FREQUENTANTI concordano via mail un incontro per determinare il programma ENTRO DICEMBRE MA È CALDAMENTE consigliata la frequenza; altre indicazioni o materiali son forniti a lezione. NON serve competenza musicale o conoscenza delle lingue classiche. Son previste esercitazioni e visite seminariali.
E' chiesta in corso d’anno una esercitazione concordabile che concorre alla valutazione conclusiva.

Obbiettivi Formativi

Il corso considera la bibliografia espressione - pratica e teoretica - della storia e organizzazione della informazione e comunicazione libraria, indipendentemente dalla loro espressione su supporti vari (cartacei o digitali) soffermandosi particolarmente: sulle recenti fonti in rete; sulle modalitĂ  di consultazione e uso del patrimonio librario (di qualunque periodo e formato) nazionale ed europeo; sul controllo delle informazioni scientifiche. Obiettivi dell'insegnamento: conoscenza dei principali strumenti bibliografici e catalografici italiani ed europei; principali repertori di periodici; fonti in rete (anche riguardo alle fonti per la storia del libro musicale); storia e organizzazione degli istituti di conservazione; conoscenza dei principali strumenti (elettronici e cartacei) per la ricerca umanistica, in particolari quellli forniti dall'Ateneo.

Curriculum Docente

Laurea in Lettere moderne all'Università di Pavia, dottorato in Storia sociale Europea (Milano-Trieste), borsista Einaudi, corsi di perfezionamento in metodologie della ricerca storica, lingua straniera, storia del libro, bibliografia presso istituzioni di ricerca italiane e straniere. Professore associato di Bibliografia; Storia del commercio librario all'università di Udine.

Professore ordinario  di Storia del libro e dell'editoria a Genova.
Ricerche (anche patrocinate da biblioteche o enti di ricerca stranieri B. Wolfenbüttel, Bibliographical Society [bibsoc. sede londinese 1892]) di: storia del libro (sec. XVI-XXI) e storia della tipografia (sec. XVI-XIX) come storia della comunicazione; storia delle biblioteche e della lettura (sec. XVI-XIX) come storia dell'informazione e della conservazione del sapere; storia del rapporti librari fra Italia e Inghilterra; storia delle provenienze e del paratesto; storia del libro genovese.