ARCHEOBOTANICA

DOCENTE: CARLO ALESSANDRO MONTANARI
ANNO: 2014-2015
SSD: BIO/03
CFU: 6

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (2014-2015)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Cenni di storia della materia. I resti vegetali come traccia di paleoambienti e delle attività umane. Ambienti e modalità di conservazione dei resti vegetali. Criteri generali di campionamento. Le discipline archeobotaniche: Palinologia, Carpologia, Antracologia, Xilologia, Dendrologia. Natura, caratteristiche, campionamento, concentrazione, identificazione, interpretazione di complessi pollinici, frammenti di carbone, legni, semi, frutti, fitoliti, fibre ed altri resti vegetali. Significato ecologico delle diverse tipologie di resti. Indicatori di attività umane. Flora e vegetazione attuali come fonti per la storia ambientale. Casi di studio di ricerche di archeologia ambientale ed ecologia storica in Liguria.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu 

- Caneva G. (a cura di), 2005 – La Biologia vegetale per i Beni culturali. Vol. II. Conoscenza e valorizzazione (capitoli I, III,VIII, X). Nardini Editore. Firenze.
- Arobba D. e Caramiello R. (a cura di), 2003 – Manuale di Archeobotanica. Franco Angeli Editore. Milano.
- Bourquin-Mignot C., Brochier J.E., Chabal L.- Crozat S., Fabre L., Guibal F., Marinval P., Richard H., Terral J.-F., Rhery I., 1999 – La Botanique. Collection “Archeologiques”. Editions Errance. Paris.

altre notizie: il corso comprende alcune esercitazioni pratiche riguardanti i temi trattati ed eventuali seminari di argomento specifico organizzati dal LASA. Programmi più dettagliati e approfondimenti bibliografici verranno forniti durante il corso. nel sito Aulaweb della Scuola umanistica (Lettere) sono disponibili le presentazioni usate per le lezioni (chiedere eventualmente al docente la password di accesso).

Metodi di Accertamento

Esame orale

Obbiettivi Formativi

L'insegnamento intende far conoscere criteri e metodi di studio dei resti vegetali utili per la conoscenza delle caratteristiche ambientali del passato e per la storia delle risorse vegetali e fornisce le basi per la conoscenza dei rapporti fra organismi vegetali e beni di interesse culturale.

Curriculum Docente

Graduate in Nature Sciences at the University of Genova, 1974. Since 1976 to 1977 employed as Curator of the Botanic Garden of the University of Genova. Since 1977 to 1981 enjoyed an award of the CNR. Since 1981 to 2001 full-time researcher at the Faculty of Sciences - University of Genova and since 2001 full-time Associate Professor of the same University. He has been continuously carrying out scientific research and teaching at the former Istituto di Botanica, currently DiSTAV - University of Genova). He took part in several national research projects founded by the Italian C.N.R., M.P.I. and by the University of Genova. Starting from 1988, he has been cooperating with Italian and European scientists and Institutes in the field of the sciences applied to Archaeology and Cultural Heritage conservation. Since 1991 he has been teaching several disciplines (BIO/02 and BIO/03), as follows: Botany, Phytogeography, Geobotany, Sistematic Botany, Bioarchaeology, Palaeobotany, Archaeobotany. Since 1994 he has been coordinating the activity of the Laboratory of Palynology and Palaeobotany (University of Genova). Since 1996, together with colleagues of the Science and Humanities Faculties, he coordinates the activities of the Laboratory for Environmental Archaeology and History (L.A.S.A.). Since 1997 he is in the editorial board of the scientific magazine “Archeologia postmedievale”.
Since 1974 he has been carrying on research concerning Geobotany, Phytogeography, Palynology, Palaeoecology, Archaeobotany, Anthracology and Environmental Archaeology. The main subjects of research concern: riparian flora and vegetation; flora and vegetation of wetlands; vegetation cartography; pollen analysis of sedimentary series for the vegetation history, mainly in Liguria; recent pollen deposition and relationships with relevant vegetation; archaeobotanical analysis (palynology, anthracology, xylology, dendrology) for the history of environmental resource exploitation.