Archeologia e insediamenti tardoantichi e medievali

DOCENTE: FABRIZIO BENENTE
ANNO: 2014-2015
SSD: L-ANT/08
CFU: 6

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (2014-2015)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il corso è finalizzato a fornire:

Introduzione ai principali temi della ricerca collegati alllo sviluppo e alla evoluzione degli insediamenti tardo antichi e medievali (V-XI secolo).
Capacità di inquadrare in un corretto contesto geografico e cronologico gli argomenti affrontati (Crisi e trasformazione delle città;  La fine delle ville e della "villa society"; Chiese e  cristianizzazione della città e del territorio; Gli emporia altomedievali; Castella e incastellamento; Tracce archeologiche della signoria fondiaria e della signoria rurale; Sviluppo urbano tra X e XI secolo: la documentazione archeologica.

L'attività formativa può essere integrata con la partecipazione ad attività di laboratorio, scavi archeologici e ricognizioni organizzati dall'Insegnamento

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Metodi di Accertamento

Verifica in itinere: verifica delle capacità di ricerca e argomentazione attraverso la presentazione in aula di un elaborato su tema assegnato. Tale elaborato potrà consistere in una ricerca individuale riguardante lo specifico disciplinare, oppure in una esercitazione su materiale fornito dal docente .
Esame finale: l’esame finale, in forma orale, comporta la verifica dei risultati di comprensione e conoscenza complessivamente ottenuti.

Obbiettivi Formativi

Il corso è finalizzato a fornire: •Introduzione e principali temi della ricerca su sviluppo ed evoluzione degli insediamenti tardo antichi e medievali. • Conoscenza del dibattito storiografico sulla “La fine del mondo antico e l'inizio del medioevo”. • Capacità di inquadrare in un corretto contesto geografico e cronologico gli argomenti affrontati. L'attività formativa può essere integrata con la partecipazione ad attività di laboratorio, scavi archeologici e ricognizioni organizzati dall'Insegnamento durante il periodo estivo.


Curriculum Docente

Fabrizio Benente si è laureato in Lettere presso l’Università di Genova, ha compiuto gli studi di Specializzazione in Archeologia Tardo Antica e Medievale presso l’Università di Pisa e ha conseguito il Dottorato in Archeologia e Antichità post Classiche presso l’Università di Roma “La Sapienza". Ha svolto attività di ricerca presso le Università di Siena e Genova e presso l’Albright Institute of Archaeology (IS). Negli anni 2010 e nel 2012 gli è stata assegnata la Getty Research Fellowship for the Mediterranean Basin and the Middle East da parte del Council of American Overseas Research Centers, per svolgere attività di studio e ricerca in Israele (2010) e in Turchia(2012). È autore di 8 volumi e curatele e oltre 180 articoli, saggi e recensioni su riviste italiane e straniere. Ha diretto scavi archeologici in Italia e in Israele. Ha partecipato a missioni archeologiche in Corsica, Grecia, Tunisia, Libano, Mongolia Interna (Cina), Crimea (Ucraina), Israele e Palestina.  Dal 2013 è direttore scientifico del museo di Sestri Levate (MuSel) e del Polo Archeominerario di Castiglione Chiavarese (MuCast).  Nell'ambito di questa attività, organizza cicli di conferenze, seminari e attività didfattiche e di ampia divulgazione. Nel 2015 è stato direttore della missione archeologica finanziata dal Ministero per gli Affari Esteri (MAE) a Tiberiade e nell'area extraurbana di Akko (Israele). Dal 2016 partecipa a progetti di studio e di didattica del Leon Recanati Institute for Maritime Studies dell'Università di Haifa. Nell 2016 ha avviato progetti di studio e ricerca in stretta collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Liguria (Rocca di Lagneto, Chiesa di San Marziano a Carasco)

Principali linee di ricerca: Archeologia e storia del popolamento rurale, Archeologia urbana e archeologia preventiva, Produzione e circolazione dei prodotti ceramici medievali nell’area mediterranea, Crusader Archaeology, Medieval Mediterranean Ceramics.