LETTERATURE COMPARATE

DOCENTE: ENRICA ANNA MARIA SALVANESCHI
ANNO: 2013-2014
SSD: L-FIL-LET/14
CFU: 9

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: LETTERE (2013-2014)
MUTUAZIONI:
FILOSOFIA (2013-2014) 9 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

1. Ausilio allo studio del manuale di Claudio Guillén, secondo i seguenti motivi conduttori: i fondamenti della disciplina; l'apporto della critica italiana; "metodi e fantasmi": pericoli, minacce, antidoti. "Perché i poeti in tempo di miseria?" Il bello e il male in letteratura: continuità delle riscritture classiche e bibliche nel mondo odierno.
Lettura di: 6 libri di Omero a scelta, dall'Iliade e/o dall'Odissea;Il libro di Giobbe, o un altro libro biblico a scelta.
(Si consiglia, per Omero, la traduzione di Rosa Calzecchi Onesti; ma anche altre sono valide, da quelle neoclassiche di Vincenzo Monti e di Ippolito Pindemonte alle più recenti di Maria Grazia Ciani e di Aurelio Privitera; per i libri biblici si può ricorrere sia alla Bibbia concordata, sia alla Bibbia di Gerusalemme in adattamento italiano, sia all'antica traduzione del Diodati, sia soprattutto, per chi può, alla Vulgata.)
Testi omerici e biblici verranno presentati a lezione, secondo una strategia di lettura adatta alle diverse esigenze dei frequentanti.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Claudio Guillén, L'uno e il molteplice. Introduzione alla letteratura comparata (II ed. or. 2005), trad. it., il Mulino, Bologna 2008;
Erich Auerbach, Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale (ed. or. 1946, 19492), trad. it., Einaudi, Torino 1956 (l'edizione della NUE è in due volumi).
Chi non potesse frequentare, è tenuto a mettersi in tempestivo contatto con il docente, secondo gli orari di ricevimento. Restando invariata la bibliografia di base, occorrerà concordare un programma individuale.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

1. Ausilio allo studio del manuale di Claudio Guillén, secondo i seguenti motivi conduttori: i fondamenti della disciplina; l'apporto della critica italiana; "metodi e fantasmi": pericoli, minacce, antidoti. "Perché i poeti in tempo di miseria?" Il bello e il male in letteratura: continuità delle riscritture classiche e bibliche nel mondo odierno.
Lettura di: 6 libri di Omero a scelta, dall'Iliade e/o dall'Odissea; Il libro di Giobbe, o un altro libro biblico a scelta.
(Si consiglia, per Omero, la traduzione di Rosa Calzecchi Onesti; ma anche altre sono valide, da quelle neoclassiche di Vincenzo Monti e di Ippolito Pindemonte alle più recenti di Maria Grazia Ciani e di Aurelio Privitera; per i libri biblici si può ricorrere sia alla Bibbia concordata, sia alla Bibbia di Gerusalemme in adattamento italiano, sia all'antica traduzione del Diodati, sia soprattutto, per chi può, alla Vulgata.)
Testi omerici e biblici verranno presentati a lezione, secondo una strategia di lettura adatta alle diverse esigenze dei frequentanti.
2. Integrazione comparatistica di autori della letteratura italiana: il caso di Cesare Pavese.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Claudio Guillén, L'uno e il molteplice. Introduzione alla letteratura comparata (II ed. or. 2005), trad. it., il Mulino, Bologna 2008;
Erich Auerbach, Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale (ed. or. 1946, 19492), trad. it., Einaudi, Torino 1956 (l'edizione della NUE è in due volumi).
María de las Nieves Muñiz Muñiz, Introduzione a Pavese, Laterza, Bari 1992.
Chi non potesse frequentare, è tenuto a mettersi in tempestivo contatto con il docente, secondo gli orari di ricevimento. Restando invariata la bibliografia di base, occorrerà concordare un programma individuale.

Metodi di Accertamento

Esame orale. Obbligatoria una relazione scritta, su un argomento concordato individualmente, da consegnare ca. 15 giorni prima dell'esame. A tal fine è necessaria la lettura, oltre che di un testo italiano, di almeno un testo in lingua straniera (opzioni possibili: greco, latino, ebraico, arabo, francese, spagnolo, inglese, tedesco, russo). La ricerca va sempre condotta sulle lingue originali, non sulle traduzioni, anche se queste ultime possono essere tenute presenti come ausilio.

Obbiettivi Formativi

La preparazione dello studente, attraverso le lezioni e i seminari, integrati dallo studio personale, mirerà a un’acquisizione di base, su problemi generali: “Che cos’è la letteratura?”: definizione operativa, ipotesi di ricerca; letteratura e critica; critica letteraria; teoria e teorie: loro applicabilità; oralità e scrittura; registri di scrittura; lingua e stile; prosa e versi. Ci si propongono i seguenti obiettivi specifici: 1) criterî e metodi di definizione della “letteratura comparata” come disciplina autonoma; sua storia e tipologia (particolare attenzione sarà rivolta all’aspetto diacronico, all’estensione diatopica e al loro interferire con modelli teorici); conoscenza delle correnti critiche e degli studiosi piú rappresentativi; rapporti con discipline affini e discussione del concetto di affinità. (Linee di ricerca per i diversi curricula: per il classico, “riscritture” moderne di temi classici e biblici; per il medioevale, rapporti interletterari e interlinguistici nel mondo medioevale; per il moderno, interazioni sincroniche e diacroniche nell’àmbito della Weltliteratur). 2) esercizio sui testi, condotto sulle lingue originali, in cui mettere a fuoco i problemi teorici precedentemente appresi, attraverso un contributo scritto da discutere come parte integrante dell’esame.


Curriculum Docente

Enrica Salvaneschi: laureata in Lettere Classiche il 16 ottobre 1970; Assistente Incaricato di Letteratura Greca dal 1971 al luglio 1974; Assistente di ruolo di Glottologia dal luglio 1974 al 1984; stabilizzata dal 1979 al 1974; Professore Associato dal 1984 di a) Semantica e Lessicologia fino al 1997; b) Letterature Comparate dal 1997.