STORIA DELLA LINGUA ITALIANA MODULO II

DOCENTE: ENRICO TESTA
ANNO: 2013-2014
SSD: L-FIL-LET/12
CFU: 6

Questo Insegnamento è parte di
64908 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA (12 CFU)

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: LETTERE (2013-2014)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Fasi e percorsi dell'italianizzazione in epoca pre-unitaria: testi epistolari, pratici, didattici e religiosi.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Testi Modulo II (studenti frequentanti):
- E. Testa, "L'italiano nascosto", Einaudi, Torino (in corso di stampa);
- C. Marazzini, "La lingua italiana", Il Mulino (a partire dal cap. V compreso).

NOTA BENE.
Gli studenti frequentanti che utilizzano l'insegnamento per 12 CFU devono preparare i testi indicati sopra per il modulo II (Testa) e i testi previsti per il modulo I (Coletti).
NOTA BENE. Gli studenti frequentanti che utilizzano l'insegnamento per 6 CFU devono seguire obbligatoriamente il modulo I (Coletti) e il loro programma d'esame è il seguente:
- Appunti delle lezioni;
- V. Coletti, "Eccessi di parole", Cesati 2012, capp. 3-6;
- C. Marazzini, "Lingua italiana. Profilo storico" (dal cap. V compreso).
Per le modalità d'esame, fare riferimento a quanto riportato espressamente al modulo I per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 CFU.

Metodi di Accertamento

L'esame del modulo II sarà in forma orale.

Obbiettivi Formativi

Gli studenti di Lettere, al termine del corso, dovrebbero possedere le seguenti abilità: -competenze di grammatica storica dell’italiano e di storia della grammatica (dei cambiamenti grammaticali attestati nell’italiano contemporaneo); -idea della composizione del lessico italiano (lingue di provenienza, modalità di produzione, distribuzione nel tempo e nei diversi settori della comunicazione, indici di frequenza); - pratica dei principali strumenti cartacei e informatici di ricerca linguistica; - consapevolezza della variabilità sociolinguistica della lingua e dei rapporti tra italiano e dialetti; - conoscenza della storia esterna dell’italiano e dei dibattiti che l’hanno accompagnata; - capacità di analisi linguistica di testi di diversa tipologia (colti, popolari, scritti, orali) e di diversa età (antichi e contemporanei); - attitudine alla lettura linguistica e formale di testi letterari, in modo speciale dei più importanti della nostra storia o dei più attuali.

Curriculum Docente

Enrico Testa è professore ordinario di Storia della Lingua italiana presso la Scuola di Scienze Umanistiche dell'Università di Genova. Dottore di ricerca in Scienze letterarie all'Università di Pavia e ricercatore di Linguistica italiana presso l'Università per Stranieri di Siena dal 1991 al 1998 e poi presso l’Università di Genova, è diventato, nel 2000, professore associato di Storia della Lingua italiana e, nel 2005, ha vinto il concorso di professore ordinario sempre nella stessa disciplina. Nel corso di questi anni ha insegnato Storia della Lingua Italiana nel Corso triennale di Lettere, nei Corsi biennali di Letterature e Civiltà moderne e di Informazione ed Editoria oltre a tenere lezioni di Linguistica Italiana nel TFA e a partecipare all'attività didattica del Dottorato di ricerca in Filologia, interpretazione e storia dei testi italiani e romanzi.  È stato visiting professor all'Università di Aarhus in Danimarca, all’Università di San Paolo (USP) e di Florianópolis (UFSC) in Brasile, Gastprofessor alla Goethe Universität di Frankfurt am Main in Germania e membro di commissione finale di dottorato di ricerca alla Sorbona-Paris III. Ha partecipato a convegni scientifici e festival letterari in Italia e all'estero. Ha fatto parte di numerose commissioni della Facoltà di Lettere dell’Università di Genova ed è stato presidente del corso di Laurea specialistica in Letterature e Civiltà moderne per il triennio 2005-2008 e vice-preside della Facoltà di Lettere per il triennio 2008-2011. Attualmente fa parte della commissione AQ del Corso di Laurea triennale in Lettere della Scuola di Scienze Umanistiche. I suoi campi di ricerca sono soprattutto: lo studio dell’ italiano scritto di comunicazione e del parlato in prospettiva diacronica e nei suoi rifacimenti letterari, la teoria della letteratura, l'analisi della lingua poetica e narrativa del Novecento e l'indagine sui risvolti stilistici e compositivi della categoria del personaggio romanzesco. Su questi argomenti ha pubblicato numerosi saggi e volumi.