LETTERATURA ITALIANA MODULO I

DOCENTE: FRANCO VAZZOLER
ANNO: 2013-2014
SSD: L-FIL-LET/10
CFU: 6

Questo Insegnamento è parte di
64901 LETTERATURA ITALIANA (12 CFU)

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: LETTERE (2013-2014)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Testi, storia, aspetti della letteratura italiana dalle origini ad oggi.
Nel corso sono comprese almeno 10 ore dedicate alla preparazione della prova scritta (obbligatoria, la cui valutazione concorrerà alla valutazione finale, senza fare media aritmetica).
Agli studenti di Lettere classiche è richiesta la conoscenza della storia e dei testi di letteratura italiana dalle origini al Novecento (dei seguenti autori:Guinizzelli, Cavalcanti, Dante, Petrarca, Boccaccio, Lorenzo De Medici, Pulci, Poliziano, Boiardo, Sannazzaro,Machiavelli, Guicciardini, Ariosto, Bembo, Della Casa, Buonarroti, Ruzante, Tasso, Marino, Tassoni, Chiabrera, Galilei, Sarpi, Campanella , Metastasio, Alesandro e Pietro Verri, Goldoni, Carlo e Gasparo Gozzi, Alfieri, Parini, Monti, Foscolo, Porta, Belli, Leopardi, Nievo, Scapigliatura, Carducci, Verga, Pascoli, D’Annunzio, Svevo, Pirandello, Gozzano, Palazzeschi, Campana, Sbarbaro, Rebora, Saba, Ungaretti, Montale, Gadda, Sereni, Caproni, Pavese, Vittorini, Fenoglio, Calvino, Moravia, Morante, Volponi, Pasolini, Sciascia, Sanguineti) e di Dante, "Divina Commedia", quindici canti a scelta dell' "Inferno", quindici canti a scelta del "Purgatorio", quindici canti a scelta del "Paradiso".
Agli studenti di Lettere moderne del primo anno è richiesta la conoscenza della storia e dei testi di letteratura italiana dalle origini al Seicento e di Dante, "Divina Commedia", "Inferno" e "Purgatorio" integrali.
Chi utilizza il corso per 12 cfu è tenuto a seguire il programma di entrambi i docenti con la relativa bibliografia.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Per tutti.
CARLO DIONISOTTI, "Geografia e storia della letteratura italiana", prima ed. Torino, Einaudi, 1967, pp. 23-45 (edizione recente: Torino, Einaudi [PBE], 1999).
FRANCESCO DE SANCTIS, "Storia della letteratura italiana" (ne esistono diverse edizioni, anche economiche).
Per la preparazione alla prova scritta si invita a leggere: Massimo Birattari, “È più facile scrivere bene che scrivere male. Corso di sopravvivenza". Firenze, Ponte alle Grazie, 2011.

Per il ripasso generale della letteratura italiana
Indirizzo classico:
CARLO VECCE, "Piccola storia della letteratura italiana", Napoli, Liguori 2009.
Tutti i testi come da programma, antologizzati in GIULIO FERRONI, “Storia e testi della letteratura italiana”, Mondadori Università , Milano, 2003 (più volumi).
Dante (quindici canti per cantica), “La Divina commedia”, a c. di Anna Maria Chiavacci Leonardi, Oscar Mondadori, Milano, 2007; oppure “La Divina Commedia”, a cura Umberto Bosco e Giovanni Reggio, Le Monnier, Firenze, 2002.
Indirizzo moderno:
Storia e testi della letteratura fino al secolo XVII compreso vanno studiati in:
GIULIO FERRONI, “Storia e testi della letteratura italiana”, Mondadori Università , Milano, 2003 (più volumi), oppure ROMANO LUPERINI, PIETRO CATALDI, LIDIA MARCHIANI, “La scrittura e l’interpretazione”, Palumbo, Palermo, 2006 (più volumi)
Dante, “La Divina commedia”, a c. di Anna Maria Chiavacci Leonardi, Oscar Mondadori, Milano, 2007; oppure “La Divina Commedia”, a c. di Umberto Bosco e Giovanni Reggio, Le Monnier, Firenze, 2002.

Metodi di Accertamento

l’esame è unico e riguarderà i due moduli.
Prova scritta: commento di un testo letterario, seguendo le esercitazioni, parte integrante del modulo Vazzoler (cod. 64904).
Prova orale: verifica della conoscenza delle storia della letteratura italiana; della capacità di comprensione, contenutistica ed espressiva, dei testi in programma.
A metà corso sono previsti colloqui per verificare già parte del programma.

Obbiettivi Formativi

Obiettivo generale è quello di rinforzare la preparazione di base degli studenti e la capacità di scrivere correttamente; l’apprendimento delle linee storiografiche della letteratura italiana; la conoscenza degli elementi filologico-testuali introduttivi allo studio dei testi; la comprensione e l’analisi-commento dei testi letterari, con particolare.riferimento ai generi.

Curriculum Docente

Giunto alla soglia del pensionamento, dopo essere stato professore di Lingua e Letteratura italiana presso l’Università di Turku (Finlandia) ed aver insegnato nella vecchia Facoltà di Lettere e Filosofia, prima Letteratura italiana moderna e poi Letteratura teatrale italiana e, negli ultimi anni, Letteratura italiana per il triennio, torna ad insegnare, in quest’ultimo anno, la sola sua materia d’elezione, sia per il triennio in Lettere (curriculum spettacolo), sia per la Laurea magistrale in Letterature moderne e spettacolo.
Dall’ interesse iniziale per la letteratura barocca, nei suoi studi, è approdato all’ indagine dei rapporti fra testo letterario e strutture sociali ( La maschera del boia, Genova-Ivrea 1982) e, poi, dell’interazione fra testo drammatico e recitazione, fra drammaturgia dell’autore e drammaturgia degli attori.
Ha curato, con Aline Nari, l’edizione del Teatro di Moravia (Bompiani, 1998), ed ha affrontato le avanguardie storiche e la sperimentazione più recente (Il teatro del Lemming, insieme con Marco Berisso, 2001 e 2012) e, ultimamente, l’opera letteraria di Carmelo Bene.
Legata all’interesse per il teatro contemporaneo è anche la traduzione, dal francese, di Memorie del teatro di Georges Banu (Genova, 2005).
Alla figura di Edoardo Sanguineti, ha dedicato, oltre a diversi saggi sulla poesia, Il chierico e la scena, cinque capitoli su Sanguineti e il teatro (2009), libro per cui nel 2010 ha ottenuto il Premio Alessandro Tassoni per la saggistica.
Ha anche cercato di avvicinarsi alla pratica scenica e cinematografica: è stato Edipo con la regia di Massimo Munaro ed ha avuto una parte in All'amore assente di Andrea Adriatico (2008)