ARTI MONUMENTALI DEL MEDIOEVO EUROPEO (LM)

DOCENTE: CLARIO DI FABIO
ANNO: 2016-2017
SSD: L-ART/01
CFU: 9

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO (2016-2017)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Arnolfo di Cambio tra Firenze, l'Umbria, Roma e i rapporti scultura-pittura nel secondo Duecento

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

In: Arnolfo alle origini del Rinascimento fiorentino, catalogo della mostra (Firenze 2005) a cura di E. Neri Lusanna, Pagliai Polistampa, Firenze 2005, i seguenti contributi:

E. Neri Lusanna, Arnolfo e Firenze, pp. 27-52; J. Gardner, Arnolfo di Cambio e l'Europa, pp. 55-67;

Sezione 1: Aspetti del percorso di Arnolfo prima di Firenze (G. Kreytenberg, V. Pace), pp. 141-196;

Sezione 3: Arnolfo e Firenze (E. Neri Lusanna, S. Romano), pp. 361-365, 417-421

J. Gardner, The Roman Crucible. The artistic patronage of the Papacy 1198-1304, München 2013, pp. 9-34, 257-302

S. Romano, I cantieri di Roma, in La pittura medievale a Roma 312-1431, Corpus, V, Milano 2012, pp. 13-49


Inoltre:

A.M. Romanini, Arnolfo di Cambio, voce in Enciclopedia dell'Arte Medievale (http://www.treccani.it/enciclopedia/arnolfo-di-cambio_(Enciclopedia-dell'-Arte-Medievale)/)

Lettura consigliata: R. Krautheimer, Rome. Profile of a City, 312-1308, Princeton 1980 (trad. it. Roma. Profilo di una città. 312-1308, Edizzioni dell'Elefante, Roma 1981)

Attività complementari:

Si terranno due viaggi di studio inerenti il tema del corso: uno a Firenze (Museo dell'Opera di Santa Maria del Fiore), di un giorno; uno, di durata da definire in sede di elaborazione del programma dettagliato, a Roma

In parallelo al corso, si terrà un seminario di 10 ore, creditizzato, a cura delle dr.sse Francesca Girelli e Martina Schirripa, dedicato alla Lettura e attribuzione della scultura medievale. Date, orari e luogo di svolgimento saranno definiti a lezione

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Arnolfo di Cambio tra Firenze, l'Umbria, Roma e i rapporti scultura-pittura nel secondo Duecento

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

In: Arnolfo alle origini del Rinascimento fiorentino, catalogo della mostra (Firenze 2005) a cura di E. Neri Lusanna, Pagliai Polistampa, Firenze 2005, i seguenti contributi:

E. Neri Lusanna, Arnolfo e Firenze, pp. 27-52; J. Gardner, Arnolfo di Cambio e l'Europa, pp. 55-67;

Sezione 1: Aspetti del percorso di Arnolfo prima di Firenze (G. Kreytenberg, V. Pace), pp. 141-196;

Sezione 3: Arnolfo e Firenze (E. Neri Lusanna, S. Romano), pp. 361-365, 417-421

J. Gardner, The Roman Crucible. The artistic patronage of the Papacy 1198-1304, München 2013, pp. 9-34, 257-302

S. Romano, I cantieri di Roma, in La pittura medievale a Roma 312-1431, Corpus, V, Milano 2012, pp. 13-49

S. Tomei, voci in Enciclopedia dell'Arte Medievale: Cavallini, Pietro (http://www.treccani.it/enciclopedia/pietro-cavallini_(Enciclopedia-dell'-Arte-Medievale)/); Rusuti, Filippo (http://www.treccani.it/enciclopedia/filippo-rusuti_(Enciclopedia-dell'-Arte-Medievale)/); Torriti, Jacopo http://www.treccani.it/enciclopedia/jacopo-torriti_(Enciclopedia-dell'-Arte-Medievale)/)

Uno fra i due testi seguenti:

E. Carli, Arnolfo, Edam, Firenze 1993 (II ed.)

A.M. Romanini, Arnolfo di Cambio e lo «stil-novo» del gotico italiano, Sansoni, Firenze 1980

Lettura consigliata: R. Krautheimer, Rome. Profile of a City, 312-1308, Princeton 1980 (trad. it. Roma. Profilo di una città. 312-1308, Edizzioni dell'Elefante, Roma 1981)
 
 
Attività complementari:

Si terranno due viaggi di studio inerenti il tema del corso: uno a Firenze (Museo dell'Opera di Santa Maria del Fiore), di un giorno; uno, di durata da definire in sede di elaborazione del programma dettagliato, a Roma

In parallelo al corso, si terrà un seminario di 10 ore, creditizzato, a cura delle dr.sse Francesca Girelli e Martina Schirripa, dedicato alla Lettura e attribuzione della scultura medievale. Date, orari e luogo di svolgimento saranno definiti a lezione

Metodi di Accertamento

L'esame è orale e prevede l'impiego delle immagini dei libri di testo e di quelle utilizzate a lezione, rese disponibili agli studenti.

Si verificheranno: la conoscenza specifica degli argomenti richiesti; il possesso di competenze linguistiche specifiche, la capacità di leggere e decodificare le immagini, di istituire nessi anche di carattere interdisciplinare. Elementi di eccellenza saranno giudicati la capacità di approfondire gli argomenti e gli eventuali apporti critici individuali.

Obbiettivi Formativi

Obiettivo del corso è affrontare e approfondire tematiche di architettura, arti figurative e arti applicate medievali in un'ottica europea, con attenzione specifica ai fenomeni 'dinamici' di interrelazione fra aree culturali diverse.


Curriculum Docente

Clario Di Fabio ha studiato nelle Università di Genova e Firenze. E’ stato direttore della Galleria di Palazzo Bianco, del Museo Sant’Agostino e del Museo del Tesoro della Cattedrale di Genova. Qui, ha progettato, realizzato e diretto il sistema dei Musei di Strada Nuova. Dal 2005 è professore associato in Storia dell’Arte Medievale (L-ART/01) presso l’Università di Genova. Insegna nel c.di l. in Conservazione dei Beni Culturali, nel c.di l. Magistrale in Storia dell’Arte e Valorizzazione del Patrimonio Artistico (di cui è il coordinatore), nella Scuola di Specializzazione, nel Dottorato. E' membro della Giunta del DIRAAS e del Consiglio della Scuola di Lettere e Filosofia. E’ autore di monografie e di molti saggi, in maggioranza dedicati alla produzione artistica medievale tra XI e XV secolo, editi in riviste italiane e straniere, atti di convegni e volumi miscellanei. Ha fatto e fa parte dei comitati di riviste internazionali (Revue de l'Art, Convivium) e svolge attività di referente per riviste italiane e straniere e per il MIUR.