STORIA MARITTIMA E NAVALE (LM)

DOCENTE: LUCA LO BASSO
ANNO: 2016-2017
SSD: M-STO/02
CFU: 9

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: SCIENZE STORICHE (2016-2017)
MUTUAZIONI:
STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO (2016-2017) 9 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Navigazione, guerra e commercio in età moderna: storiografia, fonti e metodologia della ricerca.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

J. GLETE, La guerra sul mare 1500-1650, Bologna, Il Mulino, 2010.

M. MOLLAT, L'Europa e il mare, Roma-Bari, Laterza, 2011.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Navigazione, guerra e commercio in età moderna: storiografia, fonti e metodologia della ricerca.

La tratta degli schiavi e le navi negriere tra XVII e XIX secolo.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

J. GLETE, La guerra sul mare 1500-1650, Bologna, Il Mulino, 2010.

M. MOLLAT, L'Europa e il mare, Roma-Bari, Laterza, 2011.

M. REDIKER, La nave negriera, Bologna, IL Mulino, 2014.

Metodi di Accertamento

Verifica delle capacità di ricerca e argomentazione attraverso il carattere seminariale delle lezioni. Tali lezioni possono comportare una valutazione sulla presentazione in aula di un elaborato su tema assegnato e relativa discussione con la partecipazione degli altri studenti. Tale elaborato potrà consistere in una ricerca individuale oppure in una esercitazione su materiale fornito dal docente; non costituirà elemento ai fini della valutazione finale. Esame finale in forma orale.

Il programma del Corso, che si sviluppa, come di norma tutti gli insegnamenti magistrali, su base seminariale, prevede anche possibilità alternative per gli studenti non frequentanti, i quali dovranno rivolgersi al docente per concordare i contenuti specifici della loro preparazione.

Obbiettivi Formativi

Il corso si propone di analizzare i lineamenti generali e le interpretazioni storiografiche della storia marittima e navale in etĂ  moderna

Curriculum Docente

Luca Lo Basso (Professore Associato di Storia Moderna) si è laureato con il massimo dei voti in Storia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova nel febbraio 1998, con una tesi relativa alla guerra di corsa nel Mediterraneo del Settecento, vista dall'osservatorio sabaudo di Nizza-Villafranca, pubblicata come monografia nel 2002 con il titolo di In traccia de legni nemici. Corsari europei nel Mediterraneo del Settecento. Al tema della società e dell'economia corsara sono seguiti gli studi sulle galee e sul reclutamento dei galeotti nell'età moderna, messi in opera durante il corso di dottorato in Storia sociale europea (XIV ciclo) frequentato dal 1 novembre 1999 al 31 ottobre 2002, sfociati nella tesi dal titolo Uomini da remo. Gestione delle galere e reclutamento dei galeotti nel Mediterraneo moderno. Modelli a confronto, discussa ed approvata, presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, il 7 febbraio 2003 e successivamente pubblicata a Milano nel 2004 con il titolo di Uomini da remo. Galee e galeotti nel Mediterraneo in età moderna. Dal 2003 al 2005 è stato assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Storia moderna e contemporanea dell'Università di Genova, occupandosi rispettivamente della gestione delle galee private dei genovesi all'interno del sistema imperiale spagnolo e di transazioni economiche e speculazioni finanziarie legate al mercato degli schiavi nel Mediterraneo: si veda la monografia A vela e a remi. Navigazione, guerra e schiavitù nel Mediterraneo (secc. XVI-XVIII). Dal 2005 è ricercatore universitario a tempo indeterminato di Storia Moderna (M-STO/02) e a partire da tale anno ha insegnato rispettivamente le seguenti materie: Storia della Liguria in età moderna, Storia Moderna, Storia degli antichi stati italiani, Elementi e fonti della storia moderna, Storia navale e Storia marittima e navale discutendo come relatore e correlatore pù di 80 tesi. Ha insegnato inoltre Didattica della Storia alla Scuola di specializzazione per l'insegnamento nell'a.a. 2008-2009 e nel primo ciclo di TFA nelle classi A037-A050 nell’a.a. 2011-12. Dal 2006 è il delegato all'Orientamento del Corso di laurea in Storia e dal 2010 al 2012 è stato membro della commissione didattica della Facoltà di Lettere e Filosofia. Nel 2011 è stato nominato vicedirettore del Dipartimento di Storia moderna e contemporanea (Dismec). Dal 2009 è il referente di ateneo per gli accordi scientifici con l'Università di Zara. Autore di numerose pubblicazioni in tema di storia marittima e navale, ha collaborato al programma internazionale di ricerca NAVICORPUS, coordinato dall'Università di Nizza Sophia-Antipolis. Negli ultimi anni si è dedicato soprattutto ai temi della guerra navale, della navigazione mercantile nei suoi aspetti sociali, economici e giuridici e nella presenza degli operatori marittimi liguri nei mari del mondo in età moderna. Nel 2008 ha pubblicato, assieme ad Alessandro Carassale, la monografia Sanremo giardino di limoni. Produzione e commercio degli agrumi dell'estremo Ponente ligure (secoli XII-XIX), edita a Roma per i tipi di Carocci. Il tema degli attori protagonisti della storia marittima è ritornato nell'ultima monografia edita nel 2011, dal titolo Capitani, corsari e armatori. I mestieri e le culture del mare dalla tratta degli schiavi a Garibaldi. Inoltre ha pubblicato diversi contributi su volumi miscellanei e riviste nazionali e internazionali.
Nei primi giorni del 2012 ha fondato e dirige, presso il Dipartimento di Antichità, filosofia, storia dell'ateneo genovese, il Laboratorio di Storia Marittima e Navale (NavLab), che si propone di convogliare le ricerche di storia marittima e navale italiane, mescolando i contributi dei giovani studiosi con quello degli studiosi più affermati e di rapportare i progetti di ricerca nazionali con quelli di altre istituzioni accademiche europee. Nel 2012 è stato eletto nella Giunta del nuovo Dipartimento (DAFIST) e nel Consiglio della nuova Scuola di Scienze Umanistiche. A partire dal medesimo anno è stato nominato dal Rettore membro della Commissione d'Ateneo per il TFA e i PAS. Dal mese di aprile 2014 è stato nominato Delegato all’Orientamento della Scuola di Scienze Umanistiche. Dal primo novembre è professore associato di Storia Moderna. Nel mese di gennaio 2015 è stato nominato membro della Commissione di Ateneo per la formazione e la Didattica. Dal 12 febbraio 2015 è stato nominato coordinatore del dottorato in Studio e valorizzazione del patrimonio storico, artistico-architettonico e ambientale dell’Università di Genova. Dal 1° novembre 2015 stato eletto membro del Seanto accademico dell’Università di Genova. Sul piano scientifico: ha partecipato a due Prin (2007-2009) coordinati da L. Antonielli come membro dell’unità di ricerca di Genova; ha coordinato due PRA (2010-2012) ed infine è il responsabile scientifico dell’unità locale del Firb 2012 “Frontiere marittime nel Mediterraneo: quale permeabilità? Scambi, controllo, respingimenti (XVI-XXI secolo)”. Inoltre, è membro del comitato scientifico delle seguenti riviste: SFHM Société Française d'Histoire Maritime; Afers. Fulls de recerca i pensament Universitat de Valencia; Cahiers de la Méditerranée. Dirige inoltre la collana di studi del Laboratorio di Storia Marittima e Navale (NavLab) dell’editore Città del Silenzio.