ANALISI DELLA MUSICA ELETTROACUSTICA

DOCENTE: ROBERTO DOATI
ANNO: 2016-2017
SSD: L-ART/07
CFU: 6

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: Corso non in elenco
MUTUAZIONI:
LETTERE (2016-2017) 6 CFU

Orario lezioni di Analisi della musica elettroacustica I - aula 16, Conservatorio di Musica “Niccolò Paganini”, via Albaro 38, Genova

MARZO

Venerdi 03 09:00 – 11:00
Venerdi 10 09:00 – 11:00
Venerdi 17 09:00 – 11:00
Venerdi 24 09:00 – 11:00
Venerdi 31 09:00 – 11:00

APRILE

Venerdi 07 09:00 – 11:00
Venerdi 14 09:00 – 11:00
Venerdi 21 09:00 – 11:00
Venerdi 28 09:00 – 11:00

MAGGIO

Venerdi 05 09:00 – 11:00
Venerdi 12 09:00 – 11:00
Venerdi 19 09:00 – 11:00
Venerdi 26 09:00 – 11:00

GIUGNO

Venerdi 09 09:00 – 10:00


Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Metodi di Accertamento

L'esame consisterà nella verifica orale dei contenuti del corso e della relativa bibliografia.

Obbiettivi Formativi

Al termine del corso, durante il quale verranno fornite le tecniche e gli strumenti di pensiero analitici specifici, gli allievi acquisiranno competenze teoriche e pratiche tali da consentire loro di realizzare un'analisi musicologica di opere del repertorio elettroacustico.


Curriculum Docente

Roberto Doati (Genova, 1953). Svolge gli studi di musica elettronica a Firenze (con Albert Mayr e Pietro Grossi) e a Venezia dove si diploma con Alvise Vidolin. Dal 1979 al 1989 svolge attività di compositore e ricercatore presso il Centro di Sonologia Computazionale dell'Università di Padova. Dal 1983 al 1993 collabora con il Laboratorio di Informatica Musicale della Biennale di Venezia (L.I.M.B.) per la cura di pubblicazioni e l’organizzazione di diverse iniziative fra cui l’esposizione “Nuova Atlantide. Il continente della musica elettronica” insieme ad Alvise Vidolin.
Dal 1988 al 1993 ha insegnato Informatica Musicale presso la Scuola di Musicologia e Pedagogia Musicale dell’Università di Macerata in Fermo e dalla sua fondazione (1989) fino al 2000 ha fatto parte del comitato scientifico del Gruppo di Analisi e Teoria Musicale (GATM).
Dal 2005 è docente di Musica Elettronica presso il Conservatorio “Niccolò Paganini” di Genova per cui ha ideato e realizzato numerosi progetti fra cui la costituzione di GEO (Galata Electroacoustic Orchestra) che ha diretto, insieme al collega Tolga Tüzün, al Festival di Musica Contemporanea 2014 de La Biennale di Venezia ricevendo in seguito il Premio “Filippo Siebaneck” per la XXXIV Edizione del Premio della Critica Musicale Italiana “Franco Abbiati”. È stato compositore residente presso numerose istituzioni, fra cui la Fondazione Rockefeller. È membro del comitato di selezione per la “Bogliasco Foundation”. Analisi di opere sue e di autori storici sono state pubblicate dalle riviste Perspectives of New Music, Interface, Sonus, Quaderni di M/R e dagli editori Laterza, ERI-La Biennale di Venezia.

In qualità di compositore ha ricevuto riconoscimenti internazionali fra cui una menzione al Festival Ars Electronica di Linz per Donna che si copre le orecchie per proteggersi dal rumore del tuono (1992, per flauto e suoni sintetici), una commissione del Festival Ars Musica di Bruxelles per Felix Regula (1997, per violino/viola, flauto, clarinetto e live electronics), lo spettacolo “Per voce preparata” (2002, curato insieme a Paolo Pachini) per il Teatro La Fenice, due commissioni da La Biennale di Venezia per il Festival di Musica Contemporanea (L’olio con cui si condiscono le parole, 1995, opera per voce ed elettronica e Un avatar del diavolo, 2005, opera di teatro musicale).