LETTERATURA TEATRALE ITALIANA (LM)

DOCENTE: STEFANO FERNANDO VERDINO
ANNO: 2015-2016
SSD: L-FIL-LET/10
CFU: 9

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (2015-2016)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il teatro di Torquato Tasso e la drammaturgia in versi del Cinquecento

Lettura integrale di Aminta e Il re Torrismondo; Lettere del Tasso (scelta);
Trissino, Sofonisba; Speroni, Canace; Giraldi, Orbecche – Egle – Lettera sovra il comporre le Satire atte alla scena; Groto, Adriana; Guarini, Pastor fido – Compendio della poesia tragicomica; Ingegneri, Della poesia rappresentativa.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il teatro di Torquato Tasso e la drammaturgia in versi del Cinquecento

Lettura integrale di Aminta e Il re Torrismondo; Lettere del Tasso (scelta);
Trissino, Sofonisba; Speroni, Canace; Giraldi, Orbecche – Egle – Lettera sovra il comporre le Satire atte alla scena; Groto, Adriana; Guarini, Pastor fido – Compendio della poesia tragicomica; Ingegneri, Della poesia rappresentativa.

Testi relativi al programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu
T.Tasso, Teatro, a cura di M.Guglielminetti, Milano, Garzanti.
Aminta 1581, a cura di M.Navone, con saggi di A.Beniscelli, Q.Marini, S.Morando, S.Verdino, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2014.

Gli altri testi sono reperibili online sul portale Bibliotecaitalaina.it, e scaricabili in pdf su: archive.org (Trissino, Sofonisba, ed.1529; Giraldi, Orbecche, ed. 1543)
books.google.it (Speroni, Canace, ed. 1546; Groto, Hadriana, ed. 1578; Guarini, Pastor fido ed. 1590; Ingegneri, Della poesia rappresentativa, ed. 1598);
http://icon.di.unipi.it/ricerca/ferraratutti.html (Giraldi, Egle - Lettera sovra il comporre le Satire atte alla scena)

G. Steiner, Morte della tragedia, Milano, Garzanti.
L. Riccò, "Su le carte e fra le scene": teatro in forma di libro nel Cinquecento italiano, Roma, Bulzoni.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Il teatro di Torquato Tasso e la drammaturgia in versi del Cinquecento

Lettura integrale di Aminta e Il re Torrismondo; Lettere del Tasso (scelta);
Trissino, Sofonisba; Speroni, Canace; Giraldi, Orbecche – Egle – Lettera sovra il comporre le Satire atte alla scena; Groto, Adriana; Guarini, Pastor fido – Compendio della poesia tragicomica; Ingegneri, Della poesia rappresentativa.

Verdi librettista
Lettura integrale di Rigoletto – Trovatore – Traviata - Macbeth – Aida – Otello – Falstaff e di Lettere (scelta).

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

T.Tasso, Teatro, a cura di M.Guglielminetti, Milano, Garzanti.
Aminta 1581, a cura di M.Navone, con saggi di A.Beniscelli, Q.Marini, S.Morando, S.Verdino, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2014.

Gli altri testi sono reperibili online sul portale Bibliotecaitalaina.it, e scaricabili in pdf su: archive.org (Trissino, Sofonisba, ed.1529; Giraldi, Orbecche, ed. 1543)
books.google.it (Speroni, Canace, ed. 1546; Groto, Hadriana, ed. 1578; Guarini, Pastor fido ed. 1590; Ingegneri, Della poesia rappresentativa, ed. 1598);
http://icon.di.unipi.it/ricerca/ferraratutti.html (Giraldi, Egle - Lettera sovra il comporre le Satire atte alla scena)

G. Steiner, Morte della tragedia, Milano, Garzanti.
L. Riccò, "Su le carte e fra le scene": teatro in forma di libro nel Cinquecento italiano, Roma, Bulzoni.

G. Verdi, Libretti. Lettere, a c. di M. Porzio, Milano, Oscar Mondadori.

Metodi di Accertamento

L’esame finale consiste in una esercitazione scritta su un tema concordato con il docente e in un colloquio orale sull’argomento del corso che verificherà la conoscenza delle opere e sulla discussione dei contributi critici indicati nella bibliografia e di quanto proposto e discusso con gli allievi durante le lezioni..
E’ possibile presentare le esercitazioni, in forma orale, nel corso delle lezioni, su base volontaria, e nei limiti delle ore disponibili.

Obbiettivi Formativi

Approfondire temi e problemi della letteratura italiana nei suoi rapporti con il teatro e lo spettacolo, in rapporto sia con la produzione dei testi drammaturgici, sia con i testi (cronache, scritture autobiografiche, lettere ecc.) che possono contribuire alla conoscenza della storia dello spettacolo.


Curriculum Docente

Stefano Verdino (Genova, 1953)
Professore ordinario di Letteratura italiana dell’Università di Genova.

• Docente di Italiano nella Scuola Superiore a Genova (1976-98)
• Professore Associato di Letteratura Italiana all'Università di Verona (1998-2005)
• Professore Associato di Letteratura Italiana all’Università di Genova (2005-09)
• Membro della Fondazione Mario Novaro di Genova (1991-2006), del Centro Studi Mario Luzi di Pienza (dal 1999), Centro Studi Felice Romani di Moneglia (1999-2010); Fondazione Carlo e Marise Bo, Università di Urbino (dal 2005); socio del centro nazionale di Studi leopardiani di Recanati (2005-12); Consigliere della Fondazione Giorgio e Lilli Devoto di Genova (dal 2012), socio del Centro studi tassiano di Bergamo (dal 2013).
• Redattore di riviste di letteratura: “Nuova corrente” (1980-); “il verri” (1987-95), "Resine (2001-2015)
• Collaboratore a “L’indice” (dal 1987); “Il Secolo XIX” (dal 1994) “Poesia” (dal 1999)
• Ha pubblicato: La poesia in Liguria (1986); Luciano Anceschi (1987); commento a I promessi sposi (1990); Storia delle riviste genovesi del 900 (1993); Rimatori politici e erotici del Cinquecento genovese (1996); cura di L'opera poetica di Mario Luzi (1998); La distanza del nome. Saggio sulla poesia di Cesare Viviani (2001); Il racconto della poesia (2003); La poesia di Mario Luzi (2006); Il Re Torrismondo e altro (2007); Questioni di teoria critica (2007); Genova reazionaria (2012), Tragedia (2012); edizione delle Prose di Mario Luzi (2014); edizione Lettere di Sbarbaro a Bo (2016).

Stefano Verdino (Genova, 1953)
Professor of Italian Literature at the University of Genoa
• Teacher of Italian in High Schools of Genoa (1976-98).
• Professor of Italian Literature at the University of Verona (1998-2005).
• Member of Mario Novaro Foundation of Genova (1991-2006); Centro Studi Mario Luzi of Pienza (1999-), Centro Studi Felice Romani of Moneglia (1999-2010); Fondazione Carlo e Marise Bo, University of Urbino (2005-); centro nazionale di Studi leopardiani di Recanati (2005-12); adviser Fondazione Giorgio e Lilli Devoto di Genova (2012-).
• Member of editorial board of Literary Reviews: “Nuova corrente” (1980-); “il verri” (1987-95), "Resine (2001-).
• Contributor of “L’indice” (1987-), “IL Secolo XIX” (1994-2010) and “Poesia” (1999-).
• Publications: La poesia in Liguria (1986); Luciano Anceschi (1987); ed. I promessi sposi (1990); Storia delle riviste genovesi del 900 (1993); Rimatori politici e erotici del Cinquecento genovese (1996); ed. L'opera poetica of Mario Luzi (1998); La distanza del nome. Saggio sulla poesia di Cesare Viviani (2001); Il racconto della poesia (2003); La poesia di Mario Luzi (2006); Il Re Torrismondo e altro (2007); Questioni di teoria critica (2007); Questioni di teoria critica (2007); Genova reazionaria (2012), Tragedia (2012); Mario Luzi, Prose, ed. by S.V. (2014).

 

Veronica Pesce (Genova, 1979) è coordinatrice di unità nel progetto di ricerca nazionale («Diffondere la cultura visiva: l’arte contemporanea tra riviste, archivi e illustrazioni. La storia dell’arte dalla fine dell’Ottocento agli anni Ottanta del Novecento vista attraverso fonti inesplorate, coniugando metodologie e sistemi di analisi multidisciplinari: critica storico-artistica, letteratura, semiotica, arti visive»), attivato nell’ambito del programma «Futuro in Ricerca 2012» e facente capo alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Laureata nel 2004 a Genova con una tesi su Giovanni Pascoli (Lo spazio e il paesaggio in Myricae e Canti di Castelvecchio e i rapporti con le arti figurative; relatore prof. Giorgio Bertone, correlatore prof. Franco Sborgi), ha conseguito il dottorato nel 2008 con la tesi Il paesaggio nell’opera di Beppe Fenoglio (oggi pubblicata nel volume: «Nel ghiaccio e nella tenebra». paesaggio, corpo e identità nella narrativa di Beppe Fenoglio, Pozzi, Ravenna, 2015) e si è occupata di poesia ligure primo novecentesca, portando a termine due edizioni critiche: Frantumi di Giovanni Boine (2007) e Murmuri ed Echi di Mario Novaro (2011). È stata per quattro anni assegnista di ricerca e per tre anni ricercatrice a tempo determinato in Letteratura italiana (settore scientifico-disciplinare: 10/F1) presso il medesimo Dipartimento, dove ha collaborato con il gruppo di ricerca coordinato da Giorgio Bertone e avente per fine l’«Edizione scientifica (filologico-ecdotica) di testi poetici e in prosa e di epistolari dei più importanti scrittori liguri otto-novecenteschi», con la relativa specifica sottolinea «Studio dei rapporti tra letteratura e paesaggio e tra letteratura e arte». In quest’ambito ha preso parte a diversi Progetti di Ricerca di Ateneo (PRA 2007, PRA 2008, PRA 2011, PRA 2012, PRA 2014), oltre che al PRA 2010 coordinato dalla professoressa Manuela Manfredini e al PRA 2013 coordinato dal prof. Vazzoler. Ha pubblicato saggi su Pascoli, poeti liguri di primo novecento, Fenoglio, Calvino, onomastica e toponomastica letteraria. Particolare attenzione nei suoi studi è rivolta ai rapporti tra arte figurativa e letteratura, cinema e letteratura.