TEORIA E STORIA DEL DESIGN (LM)

DOCENTE: MATTEO FOCHESSATI
ANNO: 2015-2016
SSD: ICAR/16
CFU: 6

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO (2015-2016)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Attraverso l’analisi dei principali movimenti artistici e di avanguardia e il riscontro sui mutamenti del gusto, determinati dalle varie tendenze estetiche che si sono alternate tra Otto e Novecento, il corso sarà focalizzato sull’evoluzione del concetto di design e, in particolare, sulle trasformazioni progettuali relative all'interior design.

 Le diverse fasi di tale processo saranno individuate analizzando i seguenti temi:

 . significato e origine del design

 . Le origini del design: fenomeni storici, sociali, economici e precursori (il Crystal Palace di Londra del 1861; la produzione Thonet; gli arredi degli Shaker; lo stile Biedermeier; la rivoluzione estetica delle Arts and Crafts)

 . Tendenze storiciste ed esotismo in Italia e Europa nella seconda metà dell’800

 . L’Arte decorativa moderna nelle sue diverse espressioni internazionali e il Liberty in Italia

 . Le esperienze della Wiener Werkstatte  e del Werkbund

 . L’Esposizione Internazionale di Parigi del 1925 e le Biennali di Monza

 . Le avanguardie (De Stijl, Costruttivismo Russo, Bauhaus)

 . Il movimento moderno e il Razionalismo in Italia

 . Gli USA: The Machine Age (dagli anni ’20 agli anni ’40)

 . L’interior design dei transatlantici

 . Il dopoguerra e l’affermarsi del Made in Italy

 . Gli anni ’60 e ’70: il Radical e la sovversione del paesaggio domestico

 . Il Post-Modern

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il manuale richiesto per la parte generale è il seguente: Renato De Fusco, Storia del design, Laterza, Roma-Bari, 2009.

Per l’esame sarà richiesto agli studenti un approfondimento - da concordare con il docente - su uno dei temi affrontati nel corso delle lezioni. Gli studenti sono invitati a richiedere direttamente al docente la specifica bibliografia sull'argomento da loro scelto, avvalendosi in particolare dei seguenti titoli:

. A. Pansera, Storia e cronaca della Triennale, Longanesi, Milano 1978

. V. Gregotti, Il disegno del prodotto industriale. Italia 1860-1980, Electa, Milano 1986

. M. Cristina Tonelli Michail, Il design in Italia 1925-1943, Editori Laterza, Roma-Bari 1987

. A. Pansera, Il design del mobile italiano dal 1946 a oggi, Editori Laterza, Roma-Bari 1990

. AA.VV., Il mobile del Novecento, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1991

. G. Bosoni, Il modo italiano, cat. MART, Rovereto 2007

. I. De Guttry, M.P. Maino, Il mobile liberty italiano, Editori Laterza, Roma-Bari 1994

. AA.VV., Torino 1902. Le arti decorative internazionali del nuovo secolo, cat. mostra Torino 1994

. F. Benzi, Il Liberty in Italia, cat. mostra Chiostro del Bramante, Roma 2001

. F. Mazzocca, Liberty. Uno stile per l’Italia moderna, cat. Musei San Domenico, Forlì 2014

. I. De Guttry, M.P. Maino, Il mobile déco italiano 1920-1940, Editori Laterza, Roma-Bari 2006

. F. Benzi, Il Déco in Italia, cat. mostra Chiostro del Bramante, Roma 2004

. F. Mazzocca, Novecento. Arte e vita in Italia tra le due guerre, cat. cat. Musei San Domenico, Forlì 2013

. M.F. Giubilei, V. Terraroli, La forza della modernità. Arti in Italia 1920-1950, cat. Fondazione Ragghianti, Lucca 2013

. I. De Guttry, M.P. Maino, Il mobile italiano degli anni Quaranta e Cinquanta, Editori Laterza, Roma-Bari 1992

Metodi di Accertamento

Esame orale

Obbiettivi Formativi

Scopo del corso è quello di offrire una comprensione approfondita della teoria e della storia del design. Osservando come il design si è sviluppato nel passato, è possibile capire il senso delle forze che nella cultura contemporanea creano le condizioni per il design del presente. Una consapevolezza del valore dei concetti e delle produzioni del passato offre gli strumenti per la comprensione delle qualità dei prodotti di oggi.

Curriculum Docente

Matteo Fochessati si è laureato in Storia dell'arte contemporanea presso la Facoltà di Lettere di Genova, con una tesi su L'Informale in Italia e le influenze della cultura figurativa straniera. Ha conseguito presso la stessa sede il diploma di specializzazione in Storia dell'arte contemporanea con una tesi su Problematiche della decorazione murale in Italia tra le due guerre. L'esperienza futurista.

Curatore della Wolfsoniana di Genova, di cui ha curato l’allestimento e tutte le esposizioni, sia nel museo di Genova Nervi sia a Palazzo Ducale e in tutte le altre sedi espositive  in Italia e all’estero, collabora anche a partire dal 1989 con il Curatorial Department della Wolfsonian di Miami Beach.

Dal 1990 al 1993 è stato redattore della rivista d'arte contemporanea "Tema Celeste". Dal 1997 è corrispondente de "Il Giornale dell'Arte". Dal 2001 ha collaborato alla pagina culturale de "Il Lavoro-La Repubblica".

Dal 2004 ricopre l’incarico di professore a contratto per l’insegnamento di Teoria e storia del design per la Laurea Specialistica in Storia dell’arte e valorizzazione del patrimonio artistico presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Genova.

Dal 2005 tiene un insegnamento di arte contemporanea all’interno del corso Modern design and the arts in Italy, per il Genoa School of Architecture Program of Florida International University.

Fa parte del comitato direttivo del Museo Internazionale Luzzati.

Per il Centro Regionale per l’Arte Contemporanea (CRAC) ha curato nel 2012 la mostra In astratto / Untitled, in M. Fochessati (a cura di), In astratto. Arte astratta italiana dalle collezioni dei musei liguri di arte contemporanea, Estorick Collection, Londra - CAMeC (Centro d’Arte Moderna e Contemporanea), La Spezia.

Fa parte del comitato tecnico scientifico dell’I.S.V.A.V. (Istituto per l’Arte del Vetro e dell’Arte Vetraria) di Altare.

E' autore dei volumi La voce del mondo. L'immagine della radio in Italia tra le due guerre (1992) e Art Nouveau tra modernismo e nazionalismo romantico, Il Sole 24 Ore Cultura, Milano, 2012.

In qualità di critico e storico dell'arte si occupa sia delle tendenze figurative contemporanee, sia dei fenomeni artistici del Novecento ed è stato curatore o membro del comitato scientifico di numerose mostre in Italia e all’estero.