STORIA DELLE CITTA' NEL MEDIOEVO (LM)

DOCENTE: PAOLA GUGLIELMOTTI
ANNO: 2015-2016
SSD: M-STO/01
CFU: 9

PERIODO: Annuale

ATTIVATO DA: SCIENZE STORICHE (2015-2016)
MUTUAZIONI:
STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO (2015-2016) 9 CFU
LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (2015-2016) 9 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Lineamenti di storia del fenomeno urbano e della civiltà cittadina nel medioevo.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il corso ha andamento seminariale. I testi di riferimento sono G. Tabacco, La città vescovile nell’Alto medioevo; R. Bordone, La città comunale; G. Chittolini, La città europea tra Medioevo e Rinascimento, in Modelli di città. Strutture e funzioni politiche, a cura di P. Rossi, Einaudi 1987 (i singoli testi anche in www.biblioteca.retimedievali.it); P. Guglielmotti, Genova, Spoleto, Fondazione Cisam, 2013; indicazioni di altri studi e materiale documentario saranno dati nel corso del seminario.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Lineamenti di storia del fenomeno urbano e della civiltà cittadina; orientamenti alla ricerca.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Il corso ha andamento seminariale. I testi di riferimento sono G. Tabacco, La città vescovile nell’alto medioevo; R. Bordone, La città comunale; G. Chittolini, La città europea tra Medioevo e Rinascimento, in Modelli di città. Strutture e funzioni politiche, a cura di P. Rossi, Einaudi 1987 (i singoli testi anche in www.biblioteca.retimedievali.it); P. Guglielmotti, Genova, Fondazione Cisam, 2013; indicazioni di altri studi, materiale documentario, suggerimenti per le schedature e la costruzione di bibliografie saranno dati nel corso del seminario.

Metodi di Accertamento

Il corso, che ha andamento seminariale, prevede delle prove in itinere, in numero di almeno tre (a seconda del numero dei frequentanti). Dopo una discussione collettiva di alcuni testi di riferimento in programma all’inizio del seminario, gli studenti frequentanti – singolarmente o a coppie – riferiscono articolatamente di letture da loro scelte nell’arco di una rosa piuttosto larga di proposte fatta dalla docente, che può variare di anno in anno e a seconda dei corsi di laurea e che può riguardare anche il confronto tra due o più testi.  I frequentanti sono tenuti a fornire molto articolate scalette scritte che strutturino la propria esposizione e la rendano di più agevole comprensione da parte degli altri studenti. Sono valutati anche gli interventi e le domande che ciascuno studente fa durante le discussioni collettive e la lettura delle fonti, la capacità di sostenere un contradditorio e l'acquisizione di un linguaggio appropriato. Si precisa che i metodi di accertamento sono ricalibrati di anno in anno a seconda dell'andamento del seminario.

I non frequentanti riferiscono oralmente del programma, vale a dire dei testi indicati e, a seconda del numero dei crediti, di uno o tre altri testi a scelta in una rosa piuttosto larga di proposte (che può variare di anno in anno e a seconda dei corsi di laurea).

Obbiettivi Formativi

Il corso, che avrĂ  andamento seminariale e prevede l'attiva partecipazione degli studenti, si propone sia di fornire nozioni di base relative alle cittĂ  in etĂ  medievale e al sistema relazioni di cui sono perno, sia di rivolgersi a fonti, strumenti e metodi della ricerca, con attenzione anche alla vicenda storiografica.

Curriculum Docente

Paola Guglielmotti (Torino 1954), dopo un’esperienza decennale presso la casa editrice Einaudi, ha trascorso un periodo di formazione presso l’Institut für österreichische Geschichtsforschung di Vienna e ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia della società europea frequentando i corsi dell’Università di Torino. Dal 1993 è ricercatrice di storia medievale, dal 1997 tiene l’insegnamento di Antichità e istituzioni medievali, dal 2001 di Istituzioni medievali; dal 2005 è professoressa associata e tiene l’insegnamento di Storia medievale; nel 2013 ha conseguito l'abilitazione a professoressa ordinaria. I suoi ambiti principali di ricerca hanno riguardato le istituzioni e la società dei secoli IX-XIII con riferimento al Piemonte meridionale e con attenzione alle relazioni tra aristocrazia ed enti monastici e ai problemi di organizzazione del territorio e delle comunità di piccola e media taglia; ha lavorato a ricerche sull’organizzazione del territorio in Liguria; si sta rivolgendo a temi cittadini, con attenzione alla città di Genova, e alla storia della storiografia. È nel Comitato di redazione di www.retimedievali.it. Iniziative on line per gli studi medievistici; un breve curriculum in http://orcid.org/0000-0002-5051-403X; sue pubblicazioni sono scaricabili da https://unige-it.academia.edu/PaolaGuglielmotti e da www.oa.retimedievali.it.