TEORIA DELL' OGGETTO ESTETICO (LM)

DOCENTE: OSCAR MEO
ANNO: 2015-2016
SSD: M-FIL/04
CFU: 9

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: STORIA DELL'ARTE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO (2015-2016)
MUTUAZIONI:
METODOLOGIE FILOSOFICHE (2015-2016) 6 CFU
METODOLOGIE FILOSOFICHE (2015-2016) 9 CFU
LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (2015-2016) 9 CFU

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Lo spazio dei filosofi e lo spazio degli artisti. Il corso si propone di mettere in luce i rapporti fra le concezioni filosofiche e scientifiche dello spazio e la soluzione dei problemi spaziali in ambito artistico. 

Seminario valido per l'acquisizione di CFU: "Momenti di storia dell'estetica" (proff. I Boeddu e B. Marciano).

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

E. Panofsky, La prospettiva come forma simbolica, Feltrinelli, Milano 1985.
O. Meo, Questioni di filosofia dello stile, il melangolo, Genova 2008.

Solo per chi frequenti il seminario integrativo su "Momenti della storia dell’estetica", un testo a scelta fra:

E. FRANZINI - M. MAZZOCUT-MIS, Estetica. I nomi, i concetti, le correnti, B. Mondadori, Milano 1996.
I. BOEDDU, Nelson Goodman. Uno sguardo sull’arte contemporanea, Edd. Dell’Orso, Alessandria 2009.

Le indicazioni bibliografiche sui testi integrativi e sulla letteratura critica verranno fornite durante il corso.
Alcuni testi integrativi in versione elettronica sono reperibili alla pagina della disciplina in Aulaweb.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Lo spazio dei filosofi e lo spazio degli artisti. Il corso si propone di mettere in luce i rapporti fra le concezioni filosofiche e scientifiche dello spazio e la soluzione dei problemi spaziali in ambito artistico. Nell'ambito dell'esame dell'evoluzione storica del concetto di spazio, particolare rilievo verrà dato all'interpretazione heideggeriana delle strutture spaziali e alle sue premesse lontane e recenti.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

E. Panofsky, La prospettiva come forma simbolica, Feltrinelli, Milano 1985.

O. Meo, Questioni di filosofia dello stile, il melangolo, Genova 2008.

M. Heidegger, L'origine dell'opera d'arte, in Id., Sentieri interrotti, La Nuova Italia, Firenze 1990, pp. 3-69.

M. Heidegger, L'arte e lo spazio, il melangolo, Genova 1979.

Solo per chi frequenti il seminario integrativo su "Momenti della storia dell’estetica", un testo a scelta fra:

E. FRANZINI - M. MAZZOCUT-MIS, Estetica. I nomi, i concetti, le correnti, B. Mondadori, Milano 1996.
I. BOEDDU, Nelson Goodman. Uno sguardo sull’arte contemporanea, Edd. Dell’Orso, Alessandria 2009.

Le indicazioni bibliografiche sui testi integrativi e sulla letteratura critica verranno fornite durante il corso.
Alcuni testi integrativi in versione elettronica e la traduzione delle pagine dell'Origine dell'opera d'arte commentate a lezione sono reperibili alla pagina della disciplina in Aulaweb. 

Metodi di Accertamento

Esame orale.

PER GLI STUDENTI ISCRITTI AL C.D.S. IN METODOLOGIE FILOSOFICHE:

Tesina scritta facoltativa su un argomento da concordare con il docente.  

Obbiettivi Formativi

L’insegnamento si propone di approfondire le tematiche estetologiche in una prospettiva multidisciplinare. Di volta in volta, particolare attenzione sarà pertanto dedicata agli apporti alla disciplina forniti dalla psicologia della percezione, dalla prospettiva costruttivista in ambito cognitivo, dall’ontologia del virtuale, dall’approccio semiotico all’arte e dalla teoria della comunicazione. L’eventuale lettura di uno o più classici dell’estetica sarà condotta muovendo dai problemi attualmente oggetto della ricerca disciplinare.

Curriculum Docente

Oscar Meo si è laureato in filosofia a Genova nel 1974. Ricercatore dal 1981, professore associato dal 2001, insegna Estetica nel Corso di Studi triennale in Filosofia e Teoria dell’oggetto estetico nel Corso di Studi magistrale in Storia dell'arte. In stretta relazione con le sue linee di ricerca, i corsi di Estetica concernono i rapporti fra questa disciplina, la semiotica e la teoria dei processi cognitivi, con particolare riguardo ai seguenti ambiti tematici: la costruzione del significato dell'oggetto estetico; la pragmatica della comunicazione estetica; i visual e i media studies (intermedialità e transmedialità). La seconda parte dei corsi è dedicata alla lettura e al commento di alcune pagine della III Critica di Kant alla luce della sua filosofia teoretica. Su tutti questi temi ha pubblicato numerosi volumi e articoli, alcuni dei quali a disposizione degli studenti nella pagina del corso in Aulaweb.