LETTERATURA ITALIANA

DOCENTE: SIMONA MORANDO
ANNO: 2015-2016
SSD: L-FIL-LET/10
CFU: 9

PERIODO: Annuale
AULAWEB:
ATTIVATO DA: FILOSOFIA (2015-2016)

Programma

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

1) Il Decameron di Boccaccio: la quarta giornata ("di coloro li cui amori ebbero infelice fine"). Il corso prevede la lettura integrale della quarta giornata, con commento e raffronti, e la lettura con commento del Proemio e dell'Introduzione alla Prima giornata.

2) Letture scelte dal Duecento al Seicento a corredo del corso su Boccaccio: Dante Alighieri, Divina Commedia, a cura di A.M. Chiavacci Leonardi, Milano, Mondadori, edizione recente: 5 canti a scelta per ogni cantica (si prevedano però Inf. V, VI, X, XIII, Pg. III, VI, XXIV, XXVI, Pd. VI, XV, XVI, XVII.; Guido Guinizzelli, Al cor gentile rempaira sempre amore; Guido Cavalcanti, Perch’io no spero di tornar giammai; Novellino, XLVII, LXXIII; Dante Alighieri, Vita nova, paragrafi XVII-XIX compreso Donne ch’avete intelletto d’amore.; Dante Alighieri, Convivio, proemio; Francesco Petrarca, Canzoniere, I, CXXVI, CXXVIII, CCLXXII; Giovanni Boccaccio, Il Filocolo, Florio e Biancifiore.; Giovanni Boccaccio, Elegia di Madonna Fiammetta, l’innamoramento; Giovanni Boccaccio, Esposizioni sopra la Commedia, passi scelti sul canto V.; Luigi Pulci, Il Morgante, passo scelto; Angelo Poliziano, Stanze per la giostra, libro I, 13-24; Ludovico Ariosto, Orlando furioso, canto XXIII; Niccolò Machiavelli, La Mandragola, Prologo, atto III, scene 3 e 4, atto V, scena 4 (ma anche integrale: edizione a cura di P. Stoppelli, Milano, Mondadori); Torquato Tasso, Aminta, prologo, coro atto I, atto II, scena 1 (monologo satiro), atto IV, scena I; Torquato Tasso, Gerusalemme liberata, canti XII e XVI; Giovan Battista Marino, Adone, passo scelto; Giovan Battista Basile, Lo cunto de li cunti, novella La Gatta Cenerentola.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

1) G. Boccaccio, Decameron, a cura di A. Quondam, M. Fiorilla, G. Alfano, Milano, BUR, 2013.

2) Carlo Vecce, Piccola storia della letteratura italiana, Napoli, Liguori, 2009 e successive edizioni; Dante, Divina Commedia, a cura di A. Chiavacci Leonardi, Milano, Mondadori, edizione recente. I testi antologici dal Duecento al Seicento sono messi a disposizione commentati su Aulaweb.

La bibliografia critica su Boccaccio verrà fornita durante le lezioni e citata opportunamente su aulaweb.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

1) Il Decameron di Boccaccio: la quarta giornata ("di coloro li cui amori ebbero infelice fine"). Il corso prevede la lettura integrale della quarta giornata, con commento e raffronti, e la lettura con commento del Proemio e dell'Introduzione alla Prima giornata.

2) Letture scelte dal Duecento al Seicento a corredo del corso su Boccaccio: Dante Alighieri, Divina Commedia, a cura di A.M. Chiavacci Leonardi, Milano, Mondadori, edizione recente: 5 canti a scelta per ogni cantica (si prevedano però Inf. V, VI, X, XIII, Pg. III, VI, XXIV, XXVI, Pd. VI, XV, XVI, XVII.; Guido Guinizzelli, Al cor gentile rempaira sempre amore; Guido Cavalcanti, Perch’io no spero di tornar giammai; Novellino, XLVII, LXXIII; Dante Alighieri, Vita nova, paragrafi XVII-XIX compreso Donne ch’avete intelletto d’amore.; Dante Alighieri, Convivio, proemio; Francesco Petrarca, Canzoniere, I, CXXVI, CXXVIII, CCLXXII; Giovanni Boccaccio, Il Filocolo, Florio e Biancifiore.; Giovanni Boccaccio, Elegia di Madonna Fiammetta, l’innamoramento; Giovanni Boccaccio, Esposizioni sopra la Commedia, passi scelti sul canto V.; Luigi Pulci, Il Morgante, passo scelto; Angelo Poliziano, Stanze per la giostra, libro I, 13-24; Ludovico Ariosto, Orlando furioso, canto XXIII; Niccolò Machiavelli, La Mandragola, Prologo, atto III, scene 3 e 4, atto V, scena 4 (ma anche integrale: edizione a cura di P. Stoppelli, Milano, Mondadori); Torquato Tasso, Aminta, prologo, coro atto I, atto II, scena 1 (monologo satiro), atto IV, scena I; Torquato Tasso, Gerusalemme liberata, canti XII e XVI; Giovan Battista Marino, Adone, passo scelto; Giovan Battista Basile, Lo cunto de li cunti, novella La Gatta Cenerentola.

3) Letture scelte dal Settecento al Novecento: Carlo Goldoni, La locandiera, atto I, scene 15 e 16, atto III, scena 13; Vittorio Alfieri, Mirra, atto V, scene II-IV; Ugo Foscolo, Le ultime lettere di Jacopo Ortis, lettera da Ventimiglia; Alessandro Manzoni, Fermo e Lucia, seconda introduzione; Giacomo Leopardi, Canti: Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, A se stesso; Giacomo Leopardi, Operette morali: Dialogo di Tristano e di un amico; Giovanni Verga, Vita dei campi: La Lupa; Giovanni Pascoli, Il gelsomino notturno; Italo Svevo, Una vita, testo scelto; Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal: Io e l’ombra mia; Guido Gozzano, Signorina Felicita, parti V-VIII; Eugenio Montale, Ossi di seppia: Arsenio, Occasioni: Ti libero la fronte dai ghiaccioli; Cesare Pavese, Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, Pier Paolo Pasolini, Il pianto della scavatrice; testi su Boccaccio di Pasolini.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

1) G. Boccaccio, Decameron, a cura di A. Quondam, M. Fiorilla, G. Alfano, Milano, BUR, 2013. La bibliografia critica su Boccaccio verrà fornita durante le lezioni e citata opportunamente su aulaweb.

2 e 3) Carlo Vecce, Piccola storia della letteratura italiana, Napoli, Liguori, 2009 e successive edizioni; Dante, Divina Commedia, a cura di A. Chiavacci Leonardi, Milano, Mondadori, edizione recente. I testi antologici dal Duecento al Novecento sono messi a disposizione commentati su Aulaweb.

Metodi di Accertamento

L'accertamento finale sarà orale. Esso sarà volto a riscontrare la capacità dello studente di leggere, parafrasare e analizzare un testo letterario e di saperlo contestualizzare nell'ambito storiografico.

Ad inizio anno si valuterà con gli studenti l'opportunità di fissare una prova intermedia orale o scritta.

Obbiettivi Formativi

Presentare e far conoscere a grandi linee i maggiori autori, i principali movimenti culturali e le varie fasi del gusto della storia della letteratura italiana. Avviare alla distinzione dei diversi generi e delle diverse modalità convenzionali di comunicazione letteraria. Acquisire strumenti metodologici per interpretare criticamente le opere letterarie sia a livello formale sia a livello contenutistico. Avviare all’elaborazione di un testo scritto che sia dotato di correttezza grammaticale, di organicità di contenuto e di coerenza argomentativa.

Curriculum Docente

Simona Morando è ricercatrice dal 2006 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Genova. E' stata docente di Letteratura italiana, Letteratura teatrale, Letteratura italiana e cinema e Drammturgia presso il D.A.M.S, Scienze dello Spettacolo e PRO.TA.VAS a Imperia. Insegna attualmente Letteratura italiana presso il Corso di Lingue e culture moderne, Letteratura teatrale presso il Corso di Lettere della Scuola di Scienze Umanistiche e ha un insegnamento (Letteratura italiana e letteratura dei luoghi) presso il Corso di Scienze del Turismo a Imperia. L'attività didattica si inserisce nel complesso delle linee di ricerca perseguite, riguardanti la letteratura e il teatro tra Cinque e Novecento: la narrativa di Italo Calvino, la poesia del secondo Novecento, l'opera di Pier Paolo Pasolini, la drammaturgia di Pirandello, il teatro di Giovan Battista Andreini, la favola pastorale e Torquato Tasso, la tradizione dei testi teatrali legati al "mito" di Don Giovanni tra Seicento e Ottocento. Per le pubblicazioni e l'attività di ricerca si rimanda alla pagina della docente sul sito del DIRAAS.